Resta in contatto

News

Lazio, Corriere dello Sport: “Correa dove sei finito?”

Lazio, Corriere dello Sport: "Correa dove sei finito?"

La metamorfosi del Tucu non è sfuggita in casa Lazio. Negli ultimi due impegni l’argentino è stato irriconoscibile, ora a Parma si attende il riscatto

Non è lo stesso Correa che ha stupito la Lazio nel corso dell’estate e nelle prime due giornate di campionato.

L’argentino incontrollabile che ha confuso le difese doriane e della Roma è in un momento di blackout. Lo dimostrano gli ultimi due impegni disputati dalla Lazio in campionato e in Europa League.

Anche nelle partite con la nazionale argentina il biancoceleste non ha dato il meglio di sè. Nel primo impegno in cui il c.t. Scaloni lo ha schierato titolare è stato poi sostituito nel secondo tempo, mentre nella seconda sfida è rimasto in panchina. Possibile che le decisioni del tecnico argentino possano aver destabilizzato psicologicamente il gioiello della Lazio? Questa la domanda che si pone il Corriere dello Sport nell’edizione odierna. Oppure ha influito anche la scelta di Inzaghi di non farlo partire titolare contro la Spal?

Al momento le motivazioni che hanno di fatto interrotto il periodo d’oro del Tucu non sono ancora chiare. Ciò che tutti si aspettano in casa Lazio è che già con il Parma l’argentino possa ritrovare sè stesso.

 

Leggi anche:

Rassegna stampa, le prime pagine dei quotidiani sportivi (FOTO)

10 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
10 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Non é un fenomeno è un bel giocatore alla felipe anderson discontinuo con gran colpi e qualche cavolata

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Per me è tutto fumo e niente arrosto

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Qui si montano facilmente la testa, Ritornare con piedi x terra ???

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Be non diciamo fesserie contro i giocatori già ci parlano male i giornalisti del nord vi ci mettete pure voi ai posteri l’ardua sentenza

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Abbiamo un fenomeno e gli rompiamo le palle, noi laziali siamo da rinchiudere al manicomio

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Quando li compra la Lazio, a prezzo non alto, sono giocatori dal rendimento non costante, altrimenti costerebbero molto di più e se li sarebbero presi le “potenti-quattrinaie”…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Era piu’ forte Felipe Anderson anche se era autistico e umorale

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

lui, alberto, sms si sono tutti montati la testa. tornate sulla terra. non siete ne Messi ne Ronaldo. pedalare!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Che me tocca legge ??‍♀️!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Un abatino…giocatore sopravvalutato. Ce ne sono a centinaia come lui tra serie A e serie B…buoni “toccatori” di palla ma nulla di più

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: col gol al derby, Immobile supera anche Rocchi nello score delle stracittadine

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Ricordo bene quei giorni e inoltre Pablito e' sempre stato umile, equilibrato, rispettoso. Una di quelle persone che rispetti profondamente anche se..."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da News