Resta in contatto

News

Lazio, Cucchi come Inzaghi: “Per essere grandi bisogna dimostrarlo”

Anche la diplomazia del giornalista Cucchi sulle parole di Gasperini

La terza partita di campionato continua a tenere banco tra i giornalisti. A prendere parola a Lazio Style Radio per l’analisi del match, Riccardo Cucchi

La sconfitta subita a Ferrara apre un lungo dibattito in casa Lazio.

Tra i fattori che possono aver determinato il risultato finale vengono considerati il caldo, i giocatori, Inzaghi e l’interpretazione generale della partita. Riccardo Cucchi, intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio, ha dato una sua interpretazione dell’atteggiamento dei biancocelesti contro la Spal e allargando poi il dibattito a un discorso più generale.

Queste le sue parole:

“Una doppia Lazio nella partita di Ferrara. Buona nel primo tempo in cui aveva ripetuto le ottime prove contro Roma e Sampdoria, poi nel secondo tempo ha ceduto alla Spal, credo più mentalmente che fisicamente”.

“Nelle prime tre partite la Lazio ha concluso 47 volte in porta , un dato che dimostra il buon lavoro svolto da Inzaghi. Neanche le squadre più titolate non producono come i biancocelesti. Certo bisogna buttarla dentro più frequentemente, è un limite forse più mentale.La squadra sa di saper giocare a pallone. Inzaghi è apprezzato dallo spogliatoio. Però se ci si specchia troppo, il rischio è che questa bellezza venga vanificata. Se cedi mentalmente, perdi anche l’attenzione dal punto di vista tattico e questo è deleterio nel corso dei 90 minuti”.

“Ha ragione Inzaghi: essere una grande squadra significa saperlo dimostrare in campo. La grande squadra non è quella che viene definita dalla stampa, ma quella che lo dimostra in campo”.

“I tre cartellini gialli presi da Acerbi in tre partite è la dimostrazione anche della responsabilità che ha sulle spalle.

Nelle prime due giornate la Lazio aveva espresso il miglior gioco della Serie A. Era stata più pronta anche rispetto a Juventus, Inter e Napoli. Anche nel primo tempo di Ferrara questo era avvenuto. I giocatori però devono mantenere la consapevolezza che per ottenere il risultato non si deve mai mollare. Secondo me il problema è più mentale perché tecnicamente la squadra è forte, il centrocampo è tra i migliori della Serie A”.

“L’errore più grande è imporre un modulo alla squadra, quando si deve adattare lo schema alle qualità dei singoli.

Se la Lazio gioca con il 3-5-2 è perché si ha a disposizione i giocatori adatti. Inzaghi in questo è poco duttile, come Sacchi, Sarri, e Zeman.

Il modulo è sicuramente importante ma sono importantissimi gli interpreti. Il modulo  deve essere il punto di partenza per riuscire a vincere”

“Io sono contrario al prolungamento del calciomercato a campionato iniziato.

I tifosi della Lazio avrebbero voluto una campagna acquisti più pomposa ma è giusto tenere a mente che l’obiettivo principale della società è mantenere in equilibrio il bilancio. Non è una cosa da poco, basta vedere le altre che sono entrate in crisi sotto il punto di vista economico e poi tecnico.

Non dimentichiamoci poi che la Lazio ha un debito importante con il fisco.

Colpo fondamentale del calciomercato della squadra capitolina è Milinkovic ancora in biancoceleste. Poi Lazzari e per Vavro bisogna aspettare e dargli il tempo giusto per inserirsi”.

Infine Cucchi è intervenuto anche sulla questione Mihajlovic:

“L’immagine più bella di Brescia – Bologna è quando i tifosi dopo la partita sono andati all’ospedale sotto la finestra di Mihajlovic. Gli auguro di tornare perché lui è un amante non solo del calcio ma della vita in generale.

Sinisa ha scosso l’ambiente del Bologna e la scossa è qualcosa che servirebbe alla Lazio. Io credo che comunque il Bologna abbia valori importanti e non lotterà per non retrocedere”.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Ovviamente, la considerazione vale anche x il mister.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Servono anche i giocatori

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Tante parole e io non sono d’accordo su tutto, troppe scuse il caldo, la mentalità! Per me per fare una grande squadra servivano altri rinforzi e il calciomercato solamente con Lazzari non è stata rinforzata a dovere.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Ma va’!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Per essere grandi devi compra’ i giocatori .
Arriviamo 8′ e togliamo Romulo e Badelj con il solo Lazzari come rinforzo , ma ‘ndo’ voi anna’ ?

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: col gol al derby, Immobile supera anche Rocchi nello score delle stracittadine

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da News