Resta in contatto

News

La Lazio incontra i bambini orfani lituani. Il responsabile dell’ONG intervistato da LSC

Prima dell’allenamento pomeridiano i calciatori della Lazio si sono intrattenuti con alcuni bambini orfani. Il responsabile dell’ONG ha parlato a LSC.

La ONG Hope for Football Italia Lituania è stata ospite questo pomeriggio del ritiro di Auronzo. L’associazione benefica si prende cura di bambini orfani in Lituania. Oggi, prima dell’allenamento pomeridiano, i giocatori della Lazio li hanno incontrati fermandosi a scambiare qualche palleggio.

Il responsabile del progetto Stefano Piciulin è stato intervistato da Lazio Style Channel. Ecco quello che ha raccontato.

“Sono qui ad Auronzo con alcuni ragazzi lituani, quasi tutti orfani. Hanno ricevuto una grande accoglienza. Per qualche momento hanno potuto sentire il senso di famiglia, che a loro manca. Sono onorato dell’accoglienza della Lazio. L’iniziativa è supportata dall’AIC e dalle Federcalcio italiana a e lituana. Usiamo i valori del calcio per stare vicino a chi soffre”.

I bambini hanno conosciuto Marius Adamonis, loro connazionale, e la società biancoceleste ha regalato loro alcune divise e materiale da gioco.

“I bambini sono rimasti contenti di aver conosciuto Adamonis: un giocatore che rappresenta il loro paese. La cosa più preziosa però è stato il tempo che la squadra ci ha regalato. Il materiale donatoci è molto apprezzato, ma la presenza umana lo è di più. Sono convinto che i ragazzi torneranno a casa arricchiti, dopo aver provato belle emozioni. Questo è un momento magico dal punto di vista calcistico”.

“Questo progetto si chiama “Hope for football”. Io ritengo che i bambini siano una speranza per il calcio. Un’iniziativa come questa può dare maggiore luce al calcio, i ragazzi hanno bisogno di queste cose. Oggi ho scoperto il cuore del calcio”.

In chiusura, Piciulin ha rivolto un pensiero a Mihajlovic. Anche lui ha dovuto combattere tempo fa la stessa malattia.

“Capisco Sinisa e sono vicino a lui, ho avuto la stessa malattia. Io ho avuto la leucemia negli anni ’70, ho dei danni seguiti dalle cure ma continuo a lottare”.

 

Leggi anche:

Auronzo, dott. Ripert: “Lavoriamo per evitare rendimenti altalenanti”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Il libero e capitano della Lazio del primo scudetto

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Altro da News