Resta in contatto

News

Lazio, Filisetti: “Come sono cambiati i ritiri rispetto ai miei tempi…”

Lazio, Filisetti: "Come sono cambiati i ritiri rispetto ai miei tempi..."

Lazio, l’ex calciatore biancoceleste Daniele Filisetti è intervenuto quest’oggi ai microfoni dell’emittente radiofonica ufficiale

A pochi giorni dall’inizio dalla partenza della Lazio per Auronzo di Cadore, l’ex calciatore biancoceleste Daniele Filisetti racconta come sono cambiati i ritiri. Intervenuto ai microfoni dell’emittente radiofonica ufficiale, Lazio Style Radio, l’ex giocatore ha commentato quanto diversa sia oggi lo svolgimento dei ritiri e anche la gerarchia all’interno di tutto lo staff.

Leggiamo insieme le sue dichiarazioni:

“Non so come siano adesso i ritiri, la prima partita io la disputavo dopo 21 giorni di corsa e basta. Le gare le giocavo contro gli alpini o i soldati, invece ora dopo tre giorni si confrontano già contro il Real Madrid. A quei tempi era importante convivere con i tuoi compagni, si creava il gruppo con l’obiettivo di renderlo coeso e compatto. Si diventava una vera e propria “squadra”.

Ci stavano varie dinamiche di gruppo che ricordo con molto piacere, molti compagni a cui rimango ancora molto legato. Ricordo anche che in alcuni ritiri a Fregene si giocava anche nelle Pinete.

Era presente un telefono solo ed a turno tutti i giocatori dovevano chiamare i propri familiari, il più giovane era quello che li avrebbe sentiti per ultimo i propri cari, prima le chiamate le effettuavano i calciatori più “anziani”

Ora lo staff di una squadra è composto da 15 persone, prima vi era solo l’allenatore ed il vice allenatore, è cambiato tutto. Come figura adesso è presente anche lo psicologo, il nostro a mio parere era un calcio più normale.

Effettuavo il risveglio muscolare alle sei di mattino, poi colazione ed allenamento. Il pomeriggio si svolgeva tutta la parte tattica e tecnica. A livello giovanile nessuno offre il 100%, ora si calibrano di più. Le preparazioni sono ad altissimo livello, ma nessuno arriva mai al massimo.

L’allenatore era una figura sacra per la squadra, non esisteva contraddirlo o non essere d’accordo con lui. Ai miei tempi la concezione della disciplina era completamente diversa”

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

te credo……con Lorenzo…..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

La gallina….

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: col gol al derby, Immobile supera anche Rocchi nello score delle stracittadine

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Ricordo bene quei giorni e inoltre Pablito e' sempre stato umile, equilibrato, rispettoso. Una di quelle persone che rispetti profondamente anche se..."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da News