Resta in contatto

Nostalgia Chinaglia

Sampdoria-Lazio: 15 anni fa una vittoria di rigore sofferta e “benedetta”

La prodezza di Di Canio è tra i gol più belli in Premier League

Sampdoria-Lazio, riviviamo il precedente del 12 settembre 2004: il successo di misura, il rigore conteso tra Paolo Di Canio e Simone Inzaghi… – di Alessandro Crescenzi

La Lazio che si presenta a Marassi il 12 settembre del 2004 è una squadra totalmente diversa da quella che, appena pochi mesi prima, aveva conquistato la Coppa Italia in una doppia sfida stravinta contro la Juventus.

L’estate è stata di passione vera per i tifosi biancocelesti e, scongiurato il fallimento, la società si ritrova con il nuovo presidente Lotito e una squadra costruita con pochi saldi e con i ‘famosi’ nove acquisti dell’ultima giornata di mercato.

L’estate trascorsa tra mille incertezze

Molti dei giocatori simbolo degli anni precedenti hanno lasciato la squadra per permettere alla società di sopravvivere (Fiore e Corradi ceduti al Valencia): alla partenza per il ritiro estivo sono pochissimi i calciatori arruolabili. In panchina c’è l’allenatore della Primavera Mimmo Caso, mentre ad agosto i biancocelesti erano stati spazzati via dal Milan, campione d’Italia, nella finale di Supercoppa con un secco 3-0.

I tifosi laziali, anche i più ottimisti, sanno che questo sarà un anno di sofferenza in cui bisognerà lottare fino all’ultima giornata.

La Lazio a Marassi con Inzaghi-Di Canio

La serata genovese è calda e piacevole, la Lazio si presenta con il completo nero bordato di celeste; le maglie blucerchiate fanno da contorno a un’atmosfera unica, che solo lo stadio di Genova può regalare.

La partita è tirata e tattica, la Lazio parte con la coppia d’attacco Simone Inzaghi-Paolo Di Canio, tornato a Roma dopo più di un decennio trascorso nei campi di calcio in terra inglese. Le migliori occasioni sono per i padroni di casa, che tengono la Lazio rinchiusa nella propria metà campo: solo due grandi interventi di Peruzzi su Flachi negano il vantaggio ai doriani e tengono i biancocelesti in partita.

Il rigore conteso

Verso la mezz’ora di gioco un colpo di genio di Di Canio cambia totalmente l’inerzia dell’incontro: tacco smarcante per Inzaghi che cerca di saltare Antonioli e viene atterrato. Calcio di rigore ed espulsione, la Lazio ha l’opportunità di avere un vantaggio doppio per tutto il match.

Il rigorista è Inzaghi, ma Di Canio ha troppa voglia di calciare il rigore dopo tutti gli anni di ‘esilio’: ne nasce un diverbio con  Paolo che si presenta sul dischetto e batte Turci per il vantaggio biancoceleste. I due non si abbracciano, ma si chiariranno dopo il triplice fischio dell’arbitro: l’amore per la Lazio vince anche queste incomprensioni, sarà Simone a tirare il prossimo rigore a favore.

Il penalty trasformato da Di Canio nel primo tempo rimarrà l’unico tiro nello specchio della porta della Samp per tutto il resto della gara. Sarà una ripresa di sofferenza e la Lazio riuscirà a portare a casa i tre punti solo grazie alle innumerevoli parate di Peruzzi.

Una vittoria fondamentale in una stagione molto complicata, una partita in cui si mescolano prime volte assolute e ritorni incredibili conditi dalla consueta sofferenza in pieno ‘stile Lazio’.

 

Leggi anche:

Serie A, comunicato sui biglietti per la finale di Coppa Italia

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

I ricordo che inzaghi voleva il pallone per battere il rigore… ma paoletto… gli diceva di andare via…. secondo me era giusto che lo battesse di canio, e così fu

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Già passati 15 anni …..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Campo infangato

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Chi ricorda il samp LAZIO 0 1
Gol di BRUNO GIORDANO?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Ero a Marassi, nella gabbia

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile affonda anche il Sassuolo. Girone d’andata chiuso a quota 13

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da Nostalgia Chinaglia