Resta in contatto

News

Lazio, parla Inzaghi: “Per la Champions è tutto aperto”

Simone Inzaghi

Lazio, Simone Inzaghi in conferenza stampa alla vigilia della sfida in casa dell’Inter: le parole del tecnico biancoceleste

La Lazio è chiamata allo scontro Champions in casa dell’Inter, Simone Inzaghi è consapevole dell’importanza della sfida. Il tecnico biancoceleste è intervenuto in conferenza stampa da Formello.

Queste le dichiarazioni riportate live da Sololalazio.it.

“Con l’Inter ci vorrà una delle migliori Lazio”

“Gara molto, molto importante per la classifica e per la nostra prestazione. Avremo altre partite, ma domani sarà importante”.

“Ci vorrà una delle migliori Lazio, bisogna dare continuità alle ultime prestazioni. Dobbiamo tenere a mente sia la bella partita in Coppa Italia che quella brutta all’andata in campionato. Dovremo fare una grande gara, in un grande stadio contro un grandissimo avversario”.

“Dobbiamo dare continuità alle ultime prestazioni molto positive. Siamo ancora in ritardo in classifica, paghiamo gennaio e febbraio quando abbiamo avuto problemi a livello numerico. La sosta non ci voleva, ma questo è il calendario. Dovremo essere bravi in questo ciclo di partite a dare continuità a quello che abbiamo fatto prima della sosta”.

“Il gap con le prime si è assottigliato”

“Per quello che abbiamo fatto vedere in campo, il gap con le prime rispetto a inizio stagione si è assottigliato senz’altro. Abbiamo squadre davanti a noi costruite con grandi obiettivi, ma abbiamo sempre dimostrato di giocarcela alla pari. Siamo sempre stati all’altezza con squadre probabilmente costruite meglio sulla carta, ma col sacrificio ce la siamo sempre giocata a viso aperto”.

“Penso che la Lazio sia una squadra fortissima. Probabilmente l’Inter, alla vigilia del campionato, era l’anti Juve, ma poi si è visto che di anti Juve ce ne sono poche”.

“Per terzo e quarto posto è tutto aperto”

“Nel calcio è sempre tutto aperto. Anche le squadre come Torino e Sampdoria hanno fatto un salto di qualità, sono lì a lottare. Quelle più in alto in classifica, contro queste squadre, perderanno qualche punto e penso che sarà tutto aperto fino all’ultimo”.

“Radu non ci sarà”

“Leiva meglio, Radu ha provato fino all’ultimo ma domani non ci sarà, vediamo per mercoledì. Patric ha avuto la febbre alta fino a ieri, difficilmente scenderà in campo. Non ci sarà neanche Pedro Neto, tornato con un problema dalla Nazionale. Marusic è andato discretamente, sarà da valutare domani nel risveglio muscolare a Milano”.

“Immobile è sereno”

“Ho ritrovato Ciro molto bene, carico, propositivo e sereno. Le critiche? Lo sa, è un attaccante ed è abituato a segnare anche con la Nazionale. È un periodo che non trova il gol, sa che possono esserci delle critiche, ma è un ragazzo maturo e saprà riconoscere le critiche costruttive da quello che non lo sono”.

“Keita ha grandissime qualità”

“Keita lo conosciamo tutti bene, può giocare bene anche da punta centrale, ha grandissime qualità. Ma per noi cambierà poco tra Icardi e Keita. Oltre a lui, rivedrò con piacere tutti quelli che hanno giocato con noi”.

De Vrij ancora assente contro la Lazio

“Nella prima è stata una scelta dell’allenatore, nella seconda ha avuto un problema e ora è tornato dalla Nazionale con un infortunio. Sicuramente gli sarebbe piaciuta confrontarsi con i suoi ex compagni”.

No comment sulla questione Icardi

“Ho dovuto pensare soprattutto alla mia squadra, dove posso incidere. Non ho conoscenze sull’Inter per poter dare un giudizio, hanno un grandissimo allenatore che farà le proprie considerazioni. Dipendiamo molto da noi stessi e dovremo arrivare alla gara nel migliore dei modi”.

“Sceglierò tra Wallace e Luiz Felipe”

“Wallace sta meglio, si è infortunato il 31 gennaio contro l’Inter. Durante la sosta ha lavorato bene, anche Luiz Felipe è rientrato bene e dovrò scegliere, entrambi mi hanno dato ottime garanzie. Non penso di rischiare Patric”.

Le scelte in attacco

“Dovrò scegliere tra Immobile, Correa e Caicedo, dovranno dividersi le energie in questa settimana ricca di impegni”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Avevo 12 anni ero uno che quando segnava chinaglia urlavo e piangevo di gioa ,avevamo vinto due anni prima lo scudetto e appena quattro anni prima ero..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory, Immobile fa 150 e la vetta è sempre più vicina…

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Advertisement

Altro da News