Resta in contatto

Tatticando

Derby, quali saranno le chiavi di Lazio-Roma? La nostra preview tattica

La Lazio soffre un gioco troppo offensivo e arrogante

Derby, l’analisi tattica di Lazio-Roma a cura di Michele Tossani per Sololalazio.it.

Il derby della Capitale si presenta, tatticamente, come una partita che dovrebbe seguire uno spartito chiaro: Roma a cercare di controllare la sfida tramite il controllo del pallone, Lazio pronta a colpire in contropiede.

Il possesso palla dei giallorossi

Il probabile 4-2-3-1 con il quale la Roma dovrebbe affrontare la gara, con Pellegrini trequartista e Zaniolo ancora una volta spostato a destra, è costruito intorno alle idee tattiche del suo allenatore. Di Francesco vuole una squadra offensiva, col baricentro spostato in avanti e la linea difensiva alta.

Il possesso palla è finalizzato alla ricerca della verticalità, sia centrale sia, soprattutto, sugli esterni. In queste zone di campo, sia El Shaarawy che Zaniolo sono abili a tagliare centralmente per venire a giocare al fianco o alle spalle di Dzeko.

Proprio per via di questo tipo di approccio, i giallorossi hanno necessità che la loro linea difensiva sia in grado di leggere correttamente le situazioni di palla coperta/scoperta, cosa che non sempre è avvenuta durante l’era Di Francesco.

L’arma delle ripartenze per Inzaghi

Degli eventuali spazi lasciate dalla retroguardia romanista alle proprie spalle e di eventuali défaillance del loro pressing ultra-offensivo, dovrà cercare di approfittare una Lazio che, com’è noto, ha nelle ripartenze l’arma offensiva più efficace.

Rispetto allo scorso campionato, la squadra di Inzaghi è ancora più verticale e questo finisce per incoraggiare maggiormente la ricerca di Immobile (in dubbio però stasera) e Correa. Un altro fattore che dovrebbe essere sfruttato dai biancocelesti è quello rappresentato dalla presenza di Milinkovic-Savic come interno destro di centrocampo.

Il duello Milinkovic-Nzonzi

Partendo da quella posizione il giocatore serbo, nel ‘gioco delle coppie’, dovrebbe andare ad incrociare spesso Nzonzi. Se nel gioco aereo, ad esempio sui rinvii di Strakosha, il francese è in grado di contrastare Milinkovic-Savic, sul piano della mobilità il laziale si fa preferire. I suoi movimenti quindi potrebbero garantire alla Lazio l’accesso al mezzo spazio destro e anche inserimenti nella zona alle spalle di Nzonzi e De Rossi.

In fase difensiva la Lazio dovrebbe mantenere l’assetto a cinque, con Radu e Bastos pronti ad alzarsi per andare a contrastare i tagli degli esterni offensivi giallorossi nei rispettivi mezzi spazi.

Probabile baricentro medio-basso

Per il resto, come detto, è probabile che la squadra di Inzaghi adotti un atteggiamento difensivo fondato su un baricentro medio-basso che consentirebbe alla Lazio non soltanto di negare accesso alla profondità alla Roma, ma anche di creare i presupposti per lanciare poi Correa e Immobile o Caicedo contro Manolas e, soprattutto, Fazio, difensore che soffre nel coprire il campo alle proprie spalle.

È ovvio che il piano tattico predisposto da Inzaghi non possa prescindere dalla capacità dei suoi di avere la meglio nei duelli individuali. A tal proposito sarà interessante vedere se Acerbi riuscirà a ripetere su Dzeko la prestazione fornita contro Piatek.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Io ho vissuto l era VINCENZO PAPARELLI ERO LI E NON SONO PIU ANDATO ALLO STADIO MA POI L ARRIVO DI BEPPE SIGNORI MI HA FATTO IMPAZZIRE E MI SONO..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da Tatticando