Resta in contatto

Editoriali

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Se ne è andato Paolo Rossi. A pochi giorni da Maradona ci lascia un altro immenso simbolo del calcio.

Di Antonello Ferroni

Nel cuore della notte, a distanza di pochissimi giorni da un altro immenso simbolo del calcio come Diego Maradona in questo maledetto 2020 che sembra proprio non voler finire mai di dispensare dolore. Se ne è andato così, all’improvviso, per un male incurabile con cui lottava da tempo, anche Pablito Rossi, leggenda azzurra della Nazionale campione del mondo in Spagna nell’82, dove vinse anche il titolo di capocannoniere e il Pallone d’Oro.

Rossi fu l’eroe azzurro ma anche bomber straordinario con big e provinciali del calcio italiano, dalla Juventus al Milan, al Vicenza, Verona e il Perugia, dove venne accusato di aver truccato la partita Avellino-Perugia (nella quale firmò una doppietta), e venne squalificato dalla CAF per due anni, perdendo così anche la possibilità di partecipare con la nazionale all’imminente campionato d’Europa del 1980 in Italia. Il compianto Bearzot fu tra i pochi a credere nella sua innocenza e lo convocò nell’82, regalando così alla Nazione una delle gioie sportive e sociali più grandi che storia ricordi. Nativo di Prato, Pablito sposò una giornalista perugina, Federica Cappelletti, che su Instagram lo ha ricordato pubblicando una foto e una frase (“Per sempre“) seguita da un cuore. Tre i figli che lascia: Sofia Elena, Maria Vittoria e Alessandro.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Luca
Luca
2 mesi fa

Grande campione!

Ruggero
Ruggero
4 mesi fa

Oggi in un paese dove dovrebbero esistere sentimenti e volontà di un popolo dove essere dichiarato LUTTO NAZIONALE xché lui e tutta la squadra hanno regalato gioia a l’intera Nazione non come tutti i politici che stanno uccidendo questo meraviglioso paese(tutti senza colori) che tu possa riposare in pace CAMPIONE

Giancarlo
Giancarlo
3 mesi fa
Reply to  Ruggero

Ricordo bene quei giorni e inoltre Pablito e’ sempre stato umile, equilibrato, rispettoso. Una di quelle persone che rispetti profondamente anche se stanno dall’altra parte. Mi dispiace da morire

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
Advertisement

Altro da Editoriali