Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Oltre la Lazio

Caso tamponi, il Salisburgo come la Lazio: il club cerca spiegazioni

Coronavirus, si ferma anche la Copa Libertatoderes

Caso tamponi identico a quello della Lazio per il Salisburgo. Ma il club austriaco li ha fatti persino nello stesso laboratorio.

“Scandalo tamponi a Salisburgo”

Un ipotetico corrispondente in Austria di qualche giornale sportivo italiano potrebbe lanciare così la notizia che riguarda il FC Red Bull Salzburg. La situazione è infatti del tutto simile a quella che sta vivendo la Lazio in questi giorni, riportata con molto clamore. Anche nel club della città natale di Mozart c’è stata una strana alternanza di esiti dei tamponi. Nel giro di un week end i test prima erano negativi, poi positivi e poi di nuovo negativi.

E a differenza di quelli processati in casa biancoceleste, questi esami sono stati svolti tutti nello stesso laboratorio. Sembrava una cosa impossibile scientificamente. “Un giocatore che da positivo diventa negativo e torna positivo non esiste, non è previsto dalla scienza aveva dichiarato il direttore della Gazzetta dello Sport, Stefano Barigelli, ai microfoni di Tutti Convocati, su radio 24Sgombriamo il campo dalle stupidate”. Eppure è ricapitato. A oltre mille kilometri da Avellino.

Il club austriaco vuole vederci chiaro. Sei tesserati sono stati bloccati e non possono raggiungere le rispettive nazionali. Ma dagli ultimi controlli di oggi non risultano contagiati. Il direttore sportivo Stephan Reitner ha dichiarato: “Faremo tutto il possibile per porre fine alle attuali restrizioni. Ci auguriamo che il divieto di viaggio imposto loro (ai calciatori, ndr) dalle autorità possa essere revocato il prima possibile. Vogliamo anche scoprire perché le ultime due serie di test Covid, che sono state condotte dallo stesso laboratorio a Salisburgo, hanno prodotto risultati così diversi“.

Gli stessi calciatori, per altro, come riportava il Corriere dello Sport ieri, avevano giocato mercoledì scorso in Champions e poi anche domenica in campionato. Sia prima dell’incontro in Coppa sia il venerdì scorso, infatti, non era emerso nulla dai controlli effettuati. Solo dopo il match contro il Rapid Vienna è arrivata la comunicazione della positività. Da cui il blocco e la messa in isolamento degli interessati. E ora invece sembra di nuovo tutto ok. Ma quale test ha dato un esito sbagliato? Chissà, magari l’ipotetico corrispondente, se mai ne venisse inviato uno, potrà scoprire qualcosa di più e farcelo sapere.

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Beppe gol Il mio idolo…. Mi ha fatto impazzire Lo porterò sempre nel mio ❤️"

Immobile da record: staccato Signori nella Top 10 dei marcatori di Serie A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Oltre la Lazio