Resta in contatto

Casa Lazio

Inzaghi, la conferenza prima di Cagliari: “Per ora siamo in difetto di numero, ma niente alibi”

Lazio, Inzaghi: "I biancocelesti al top a metà giugno"

A Formello prende la parola Simone Inzaghi per la prima conferenza stampa prepartita della stagione.

Alla vigilia di Cagliari – Lazio, primo appuntamento in Serie A per i biancocelesti quest’anno, a Formello prende la parola Simone Inzaghi per presentare il match.

I ragazzi hanno lavorato molto bene in queste settimane, inutile nascondere qualche problemino nel reparto arretrato e che ancora non abbiamo fatto in tempo ad inserire gente nuova. Partiremo con gli stessi dell’anno scorso più Reina e Escalante che ci daranno una mano.

Senz’altro sarà una stagione difficile, ma noi vogliamo ricominciare il nostro cammino dopo la stagione esaltate dell’anno scorso. Un continuo di emozioni, dalla Supercoppa, al ritorno in Champions. Sappiamo le problematiche del lockdown, che ci hanno ridotto all’osso. Ma siamo in Champions dopo 14 anni.

A me non piace fare le griglie. Probabilmente come ogni anno dopo il mercato molti ci mettono dietro, ma non mi pongo obiettivi. Alleno una squadra seria. Volevamo un altro inizio a livello di calendario e anche i nuovi ancora non sono riuscito a vederli nemmeno in allenamento, ma non deve essere un alibi. La squadra è concentrata.

,C’è ancora tempo per il mercato. Lo ha ribadito il presidente, non sarà un problema aiutare questa squadra a crescere. Lo sa bene lui, lo sappiamo tutti. Le partite sono tante e gli infortuni si presentano. Ramos lo abbiamo perso dopo 3 minuti in amichevole. Può succedere e avendo 3 partite ci penalizza. Con l’indisponibilità di Bastos e Vavro e Arimini che è ancora un ragazzo siamo in emergenza. Ho chiesto a Parolo, che mi ha dato la massima disponibilità in caso di bisogno.

Noi dobbiamo essere bravi a prendere quello che offre il mercato. Per ora siamo in difetto di numero. Noi vogliamo migliorarci sempre. Hoedt conosce il club e i metodi di lavoro. Il problema è che anche lui non si allena a tempo pieno da un po’, ma potrà darci una mano nelle rotazioni.

A Cagliari sarà una gara difficile, contro un squadra allenata da un tecnico di valore, ci vorrà spirito di gruppo. Penso che Leiva e Milinkovic siano pronti. Leiva si è allenato bene, Sergej ha saltato le ultime due amichevoli, ma questa settimana mi ha soddisfatto e potrà giocare dal primo.

Abbiamo fuori Bastos, Ramos, Vavro e Lukaku, Gli altri sono tutti disponibili. Voglio che sia un grande anno per la Lazio. Sappiamo dove ci sono problemi, avrei voluto già inserire i nuovi, ma anche con Muriqi siamo stati sfortunati perché è in Turchia col Coronavirus. Tutti però stiamo facendo di tutto per cercare di migliorare“.

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Il libero e capitano della Lazio del primo scudetto

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Altro da Casa Lazio