Resta in contatto

News

Veron: “Vincere con la maglia della Lazio vale più che altrove”

Veron: "Vincere con la maglia della Lazio vale più che altrove"

L’intervista esclusiva de La Repubblica a Juan Sebastian Veron è l’occasione per rivivere il secondo scudetto della Lazio

Un ricordo indelebile quello del secondo scudetto della Lazio. Per i tifosi e per i giocatori biancocelesti che attesero nella pancia dell’Olimpico il risultato finale della partita tra il Perugia e i bianconeri.

A ripercorrere quei minuti interminabili che portarono il tricolore sulla maglia della Lazio è uno dei protagonisti di quel 14 maggio 2000: Juan Sebastian Veron. La Brujita è stato intervistato in esclusiva dal quotidiano La Repubblica per la firma del nostro direttore Giulio Cardone.

“Il primo ricordo di quel 14 maggio siamo io e Nestor Sensini incollati alla radiolina per seguire senza respirare Perugia-Juventus. Molti compagni erano davanti la tv ma io non ce la facevo. Troppa sofferenza, rischiavo grosso”.

Queste le parole dell’ex centrocampista della Lazio che ripercorre anche i momenti successivi al fischio finale della partita dei bianconeri.

“Fu il delirio. Però non festeggiammo come avremmo dovuto. Il giro di campo era previsto la sera al Circo Massimo, ma c’era troppa gente, non riuscimmo neanche a scendere dal pullman. Se la sono goduta di più i tifosi ed era la cosa più importante. Tre giorni dopo andammo a vincere anche la Coppa Italia a Milano contro l’Inter. Non ci rendemmo conto di aver fatto la storia”.

Il risultato della partita tra il Perugia e la Juventus, secondo Veron, fu la dimostrazione che Dio avesse fatto giustizia. Dopo il gol regolare annullato al Parma nella penultima partita sempre contro la Juventus e per l’epilogo finale della stagione precedente quando fu il Milan a vincere il tricolore.

“La Lazio è un club che ha sempre sofferto. Anche adesso, una cavalcata strepitosa e scoppia la pandemia. Per questo vincere con la maglia biancoceleste ha più valore che altrove”.

Infine un pensiero per Simone Inzaghi, ex compagno di squadra e oggi alla guida di una squadra che sogna lo scudetto se e quando il campionato ripartirà.

“La sorpresa più grande. Un’evoluzione fantastica la sua, ne sono felice e tifo per lui”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
Advertisement

Altro da News