Resta in contatto

News

Sconcerti: “Il problema vero è per l’anno prossimo”

Intervenuto ai microfoni di TMW Radio, il giornalista Mario Sconcerti ha sollevato un tema rimasto fin’ora sullo sfondo del dibattito.

La ripresa del campionato di Serie A per quest’anno è quantomai in bilico. Soprattutto dopo le parole del ministro Spadafora nelle ultime ore. Ma secondo il giornalista Mario Sconcerti il problema, a questo punto, non è solo a breve termine. “Cosa ne sarà anche della prossima stagione?“, si chiede, sollevando una questione fin’ora poco dibattuta.

Queste le parole del noto cronista ai microfoni di Tutto Mercato Web Radio.

“Il problema non sono dieci o dodici giornate che mancano. Che differenza c’è con le 380 partite del prossimo campionato? Che condizioni troveremo in autunno e in inverno? Se non si gioca per concludere il campionato in corso non succederebbe niente. Forse fallirebbero uno o due società e sarebbero affari loro. Andrebbero in Serie B, non sarebbero cancellate. Ma nella prossima stagione non sono previsti miglioramenti. Si dovrà convivere con il virus. E allora, se anche la prossima stagione dovesse essere inficiata, sì che morirebbe l’intero mondo del calcio. Sarebbe la fine dei giornalisti, delle società, di chi produce i palloni da gioco, le scarpe

Noi invece pensiamo a come fare per riprendere e se è più giusto il 4 o il 18 maggio. Il vero problema non è questa ma la prossima stagione. Sappiamo già che la situazione sarà uguale a adesso, perché contro il virus ci siamo solo chiusi in casa. Ma stiamo solo scambiando dei miglioramenti nei dati dei contagi per una guarigione generale. Sento parlare del futuro di Chiesa alla Fiorentina. Resta? Se ne va? A me viene da ridere. Dove va a andrebbe a giocare? Per chi? In quali stadi?”

Sconcerti non risparmia nemmeno alcune critiche al Ministro dello Sport e, ancor più, alla Lega Calcio.

“Spadafora ha una paura boia di prendere una decisione. Mentre la Lega Calcio non è mai esistita. Non è un’istituzione, sono solo venti presidenti che lottano ciascuno per il proprio interesse. E poi  c’è un signore eletto da loro che fa il basso cabotaggio.

Il Ministro andrà cauto, perché ha responsabilità pubbliche, per altro opposte a quella della Lega. Siamo noi che ci affidiamo a questi personaggi e diamo importanza a queste cose perché non sappiamo cosa scrivere. Una decisione della Lega non è mai contata, non rappresenta nessuno. Non è la Confindustria del calcio: loro regolano il paese, in Lega si litiga e basta. Lasciamoli parlare per conto loro, tanto decide il Governo”.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."

Altro da News