Resta in contatto

Esclusive

On. Casini a SLL: “Andiamo allo stadio per riprenderci la vita. Siniša? Ha il cuore laziale”

I tifosi biancocelesti sono pronti a sostenere la Lazio sabato pomeriggio contro il Bologna. Allo stadio sarà presente anche l’Onorevole Casini, storico tifoso dei rossoblù.

L’Onorevole Pier Ferdinando Casini è intervenuto, in esclusiva, ai microfoni di SololaLazio.it, per parlare della partita di sabato pomeriggio tra la Lazio e il “suo” Bologna.

L’Italia è preoccupata per l’arrivo del Coronavirus, nonostante ciò, sabato all’Olimpico ci saranno oltre quarantamila persone, anche se nel Lazio non ci sono nuovi casi accertati…

“Andiamo allo stadio sabato per riprenderci la vita, per riprendere la nostra normalità. Per abbracciarci o disperarci  con i nostri amici. Dobbiamo recuperare il mistero meraviglioso della vita che in queste settimane ci ha un po’ condizionato. Lo stadio con gli amici è il miglior inno alla vita. Invito tutti ad andare a questa manifestazione per godersi un grande spettacolo, anche se dobbiamo dire che per noi bolognesi è un po’ proibitiva (ride, ndr)”.

Proibitiva perché questa Lazio sta facendo cose incredibili…

“Ho sempre avuto molto simpatia per i colori biancocelesti, per cui se dovesse perdere il Bologna non mi dispererei troppo; fermo restando che da tifoso rossoblù mi augurerei di strappare almeno un punticino”.

Secondo lei la Lazio ha le carte in regola per giocarsi fino in fondo lo scudetto?

“Assolutamente sì! Si trova in una posizione fantastica in campionato, perciò non può avere paura di non arrivare all’obiettivo. Possono tranquillamente farcela”.

Sabato sarà una giornata speciale anche per Siniša Mihajlović, che tornerà a “casa”…

“Siniša è insuperabile. Ha dato una lezione di vita a tutti noi. Anche lui divide un pò il cuore tra la Lazio e il Bologna. La sua professionalità lo porta da una parte, mentre possiamo dire che la parte emozionale di Mihajlović lo porta verso i colori biancocelesti”.

In questo cammino straordinario della Lazio, va dato più di qualche merito anche a Lotito…

“Lotito può essere simpatico oppure antipatico, ma va giudicato sui fatti: lui ha letteralmente fatto un miracolo sportivo e imprenditoriale. I suoi trionfi sono sotto gli occhi di tutti”.

Della rosa biancoceleste chi le fa “paura”?

“Tutti (ride, ndr). Se dovessi fare uno nome direi quello di Ciro Immobile”.

 

 

4 Commenti

4
Lascia un commento

avatar
4 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Ancora Marini, non ci posso credere!

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Tanto non paghi.

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Basta che non fai pulitica al campo poi fare qulo che voi tanto la lazio non lo ferma piu nesuno lo volete capi ho pure no buuuuuu

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Sinisa uno di noi ❤

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Vederlo giocare segnare e Gioie ,per lu e per la Lazio"
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "grazie a Signori sono tifosa della Lazio... non vederlo mai alzare una coppa e festeggiare lo scudetto mi ha sempre lasciato un rammarico.... ..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Esclusive