Resta in contatto

Storie di Polisportiva

La Lazio Nuoto torna al Foro Italico e attende il Trieste

La Lazio Nuoto si prepara alla sfida contro il Trieste nella piscina di casa del Foro Italico sabato alle ore 18 – di Giorgio Bicocchi

Rieccola la Lazio Nuoto al Foro Italico (sabato, ore 18, ingresso gratuito) nella prima gara di ritorno della A1. Ospitiamo Trieste, quinta in classifica, formazione che ha costruito nella piscina di casa il suo bottino ma che, lontano dalla ‘Bianchi’, ha spesso collezionato amnesie.
Lazio Nuoto punti 11, quart’ultima. Trieste, punti 20, quinta. A un neofita della pallanuoto sembrerebbe gara chiusa a doppia mandata in favore dei giuliani. Invece no, partita aperta perché la Lazio, reduce dai 15 gol rifilati sabato scorso alla Florentia che hanno restituito morale e fiducia, in casa si è sempre fatta rispettare. Perdendo di misura contro l’Ortigia, ad esempio. Oppure pareggiando contro Savona, avanti di due reti – e poi beffardamente ripresa – a pochi secondi dalla fine.

Insomma, contro Trieste, tra poche ore, la Lazio proverà a fare il colpo grosso. Trascinata dai gol di Vitale, il marcatore più prolifico della squadra di Sebastianutti. Sorretta dalla ‘vecchia guardia’ e dall’entusiasmo dei giovanissimi (Marini, tre reti negli ultimi due confronti). Sperando poi di ritrovare Narciso, assente nella gara contro la Florentia per un grave problema familiare.

Tutti al Foro, allora, sabato prossimo sospingendo la Lazio, ove possibile, verso una grande vittoria che allontanerebbe la paura dei play-out. Ad oggi, archiviato il girone di andata, se il campionato fosse finito, la Lazio sarebbe salva, senza nemmeno essere impelagata nelle forche caudine dei play out. Manca l’intero girone di ritorno, però. E i punti – a cominciare da quelli in palio sabato prossimo contro Trieste – cominciano maledettamente a pesare…

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il suo dito che esce fuori dalla nebbia al derby. Non si vedeva nulla ma la palla era dentro la rete! E segna sempre lui!"
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Fascetti una persona indimenticabile, grazie"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da Storie di Polisportiva