Resta in contatto

News

André Anderson: “Volevo giocare, ma prima di tutto so di dover imparare”

André Anderson ha fatto il suo esordio ufficiale in A con la Lazio oggi. Queste le sue parole per commentare le sue emozioni.

In una vittoria arrivata sul velluto, c’è stato spazio anche per l’esordio ufficiale di André Anderson. Il giovane talento italo-brasiliano., ha dichiarato ai microfoni di Lazio Style, è voluto rimanere a far parte di questo gruppo in estate perché sapeva di poter crescere molto.

Queste le sue parole ai canali media ufficiali biancocelesti.

“Mi allenavo da sempre per questo momento. Non sapevo quando sarei entrato, ma oggi sono troppo contento. Il mister ha detto che dovevo fare la mezzala, ma volevo dimostrare di più. Ho cercato di fare qualcosa di importante non tanto per me, ma per la squadra.

Non ci sono parole per i campioni che abbiamo in squadra. Volevo far parte di questo gruppo perché sapevo l’importanza di stare con questi giocatori fortissimi.

Il mio esordio è stato incredibile, penso che per tutti ci sia un po’ di emozione. Non è un sentimento di paura, ma voglia di far parte di qualcosa di grande. Quando il mister mi ha chiamato ho provato qualcosa di particolare, ma non so descriverlo. Sono troppo contento.

Mi è servito molto anche giocare in nazionale. Primo perché è la Nazionale e per tutti è importantissimo. Io volevo giocare, ma prima di tutto volevo imparare perché sapevo di dover farmi trovare pronto ho lavorato per questo”.

Andrè Anderson in zona mista:

“Sono troppo contento per l’esordio e più felice ancora per la vittoria. Sapevo di trovare delle difficoltà perché qui ci sono giocatori forti. Devo avere pazienza e aspetto il mio momento. Spero di rimanere qui. Il mio ruolo? Voglio giocare sempre e ovunque, sia intermedio che quinto di centrocampo. Sabato la Juventus? Squadra forte ma lo siamo anche noi, non la temiamo”.

 

Leggi anche:

Lazio – Udinese, Immobile: “Non potevo non lasciare il rigore a Luis”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Ero giovanotto e seguivo la squadra in quegli anni difficili. No come oggi che si fa polemica se arrivi secondo o quarto. Rimane sempre nel mio cuore..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da News