Resta in contatto

News

Lazio, Diaconale a Radio Punto Nuovo: “Tolleranza zero”

Diaconale attacco a Malagò: "Si parla di etica ma non capisco il filo logico"

Arturo Diaconale è intervenuto a Radio Punto Nuovo per parlare riguardo gli episodi successi nella trasferta di Glasgow contro il Celtic

Arturo Diaconale è intervenuto a Radio Punto Nuovo, con un lungo discorso riguardo gli episodi che hanno scaturito delle polemiche nel corso della trasferta di ieri sera.

Questo il discorso di Diaconale: “La società adotta una posizione dura e di tolleranza zero. Si tratta di azioni che recano danno al club e dunque potremmo agire per il risarcimento danni. Non possiamo impedire l’ingresso di questi razzisti allo stadio, nonostante noi mettiamo in atto tutto quello che è possibile per limitare tali accadimenti. È necessario separare le responsabilità, nel senso che noi possiamo fare la nostra parte, ma poi gli altri devono fare la loro. Avvicinare Hitler alla Lazio è un errore: è errato generalizzare poichè siamo in presenza di alcuni e non di tutti i sostenitori. La stragrande maggioranza di chi compone la tifoseria della Lazio detesta la maglia con il volto di Hitler. Si tratta di provocazioni ed azioni volte a danneggiare la società, dato che in ragione di queste la Lazio viene vista come una squadra razzista in Europa. Poi quando la società invia una delegazione ad Auschwichtz nessuno ne parla. Il fenomeno della politicizzazione delle curve ha generato una sensazione per cui all’interno delle curve degli stadi un certo tipo di politica o manifestazioni politiche potessero avere rilevanza. Noi dunque paghiamo un fenomeno sociale diffusosi nel corso degli anni”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Non sarebbe durato un solo giorno con questa Società. Lui,uomo onesto e vero."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da News