Resta in contatto

La Lazio ritrova Caceres: quando Martin fu protagonista proprio a Firenze

Approfondimenti

La Lazio ritrova Caceres: quando Martin fu protagonista proprio a Firenze

Domenica la Lazio sfiderà la Fiorentina di Martin Caceres: l’ex difensore biancoceleste andò in gol nell’aprile 2018 in quello storico 4-3 esterno

Le strade della Lazio e di Martin Caceres tornano a incrociarsi. Lo faranno domenica sera al Franchi, Fiorentina-Lazio sarà il rendez-vous tra due realtà che si sono appena sfiorate. Appena 18 le presenze dell’uruguaiano in biancoceleste, tra il gennaio del 2018 e quello del 2019.

Il difensore 32enne si sta ritagliando uno spazio importante nelle scelte di Montella, il tecnico viola lo considera prezioso per la sua difesa a tre. Nella retroguardia viola, Caceres gioca insieme a Milenkovic: proprio sul numero 4, Martin staccò di testa il 18 aprile 2018. In quella pazza sfida, cioè, che la Lazio riuscì a vincere 4-3 a Firenze. Sul calcio d’angolo di Luis Alberto, El Pelado segnò quello che sarebbe rimasto il suo unico gol con la maglia biancoceleste.

Non solo: quella rete resta anche il suo ultimo centro realizzato in Serie A. Il primo in assoluto nel campionato italiano risale invece al 2009/10: dieci anni fa, Caceres trovò la porta proprio contro la Lazio. Da quel torneo in poi, tra l’altro, l’uruguaiano non ha più incontrato i biancocelesti in Serie A: li ha affrontati da avversario in Coppa Italia e in Supercoppa Italiana, domenica tornerà a sfidarli da ex.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Ero giovanotto e seguivo la squadra in quegli anni difficili. No come oggi che si fa polemica se arrivi secondo o quarto. Rimane sempre nel mio cuore..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da Approfondimenti