Resta in contatto

Luis Alberto: “Dovremmo stare più in alto”. E scherza sui suoi valori di FIFA

News

Luis Alberto: “Dovremmo stare più in alto”. E scherza sui suoi valori di FIFA

Il numero 10 si racconta al canale YouTube di EA SPORTS FIFA España: le parole di Luis Alberto tra le sue qualità al videogioco e la stagione con la Lazio

La convocazione con la Spagna ha attirato i riflettori su Luis Alberto, in patria sono tutti incuriositi dal momento che sta vivendo il numero 10 della Lazio. Dopo l’intervista concessa a Marca, il Mago è tornato a parlare in patria.

Stavolta il contesto è molto più “informale”, il trequartista biancoceleste è stato accolto nello studio di “El Corner”, rubrica YouTube curata da EA SPORTS FIFA España. Luis ha scherzato con l’intervistatore, criticando bonariamente i programmatori del videogioco per avergli assegnato solamente 84 alla voce “passaggi”:

“Credo che sia la mia miglior qualità, sono stato il miglior assistman della Serie A e credo che si debba alzare a 91!”.

Il diez spagnolo passa in rassegna anche le altre skill del suo clone virtuale:

“In difesa lasciamo 49. Fisico 59? Be’, possiamo un po’ aumentarlo, direi tra 60 e 65. Rapidità 71? Non ho la velocità di Mbappé, ma almeno 80 penso sia giusto. Anche tiro, 76 credo sia un po’ basso, magari aumentiamolo a 88”.

“Con la Lazio? Classifica da migliorare, ma non siamo lontani dall’obiettivo”

Da FIFA al calcio reale, Luis Alberto esprime la sua soddisfazione per il ritorno nella Roja:

“Sono molto felice per questa seconda convocazione con la Nazionale, mi godo il momento”.

E sulla stagione che sta vivendo con la Lazio dichiara:

“Siamo un bel gruppo, dovremmo stare un po’ più in alto in classifica ma va bene, siamo ancora all’inizio e non siamo così lontani dall’obiettivo che ci siamo fissati, per cui continuiamo così”.

 

Leggi anche:

Milinkovic, niente Nazionale: il Sergente è rimasto a Roma

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Spesso, per poter emergere, non serve essere i primi della classe, ma bisognerebbe avere dei bravi insegnanti che credano negli studenti e che vedano in loro qualcosa di positivo da poter sfruttare. Un buon maestro lo è stato Inzaghi per El Tucu Correa, che sembra aver trovato finalmente la sua dimensione all’interno dell’undici biancoceleste, dopo le esperienze maturative a Genova e Siviglia.
Per continuare a leggere il nostro approfondimento tecnico-tattico su Correa, per consigli fantacalcistici e molto altro ancora, seguici su TimeOut!

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: col gol al derby, Immobile supera anche Rocchi nello score delle stracittadine

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da News