Resta in contatto

News

Milinkovic in patria: “Sto alla Lazio, non mi manca nulla”

Lazio, Sergej Milinkovic Auronzo

Il fuoriclasse della Lazio è rientrato ieri a Roma: prima della partenza, ha rilasciato dichiarazioni importanti in Serbia. Le parole di Milinkovic

I controlli in clinica Paideia fanno tirare un sospiro di sollievo, Sergej Milinkovic punta forte verso il derby e accarezza anche la concreta possibilità di rispondere presente anche con la Sampdoria.

Prima di rientrare a Roma e sottoporsi agli esami strumentali, che hanno evidenziato i postumi di un trauma distrattivo all’anca, il fuoriclasse della Lazio ha scambiato qualche battuta con i media serbi all’aeroporto di Belgrado. La prima risposta, ai microfoni di Espreso, riguardava proprio le sue condizioni fisiche:

“L’infortunio non è così grave come è stato scritto. Ma non ci faccio troppo caso, so benissimo quanto ci vorrà per recuperare e non vedo l’ora di tornare sul campo entro pochi giorni”.

“Non penso troppo al mercato, so con chi ho un contratto”

Immancabile, come naturale, una domanda sulle mille voci di mercato che lo vedono protagonista. Come quella che l’ha visto, fino a qualche giorno fa, nel mirino del Manchester United:

“Il mercato in Inghilterra è chiuso e sono finiti anche i rumors sul Manchester. Quello che è stato scritto non mi ha disturbato troppo, sono rimasto sempre concentrato per prepararmi al meglio. Sono dove sono, non mi manca nulla e penso solo a lavorare”.

Archiviata l’ipotesi Premier League, Milinkovic è destinato a rimanere in ballo nei più diversi scenari di mercato (tra Psg e Inter) fino alla chiusura del mercato in Italia, il 2 settembre:

“Sto alla Lazio, non penso troppo a quella data. È stato scritto di tutto, ma so bene dove ho la testa e con chi ho un contratto”.

 

Leggi anche:

Un compleanno celebrato tramite messaggi social per El Tucu! (FOTO)

20 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
20 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

???????????

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Bravissimo la Lazio è la Lazio GRANDE

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Se lo dovemo tene’ fino a scadenza e non concludera’ niente

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Grande Sergente

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Grande sergente nostro…????????

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

???

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Ma è lo stesso che ad Auronzo era irascibile e destabilizzava lo spogliatoio??!! Andrea Clementi AGasperini Andrea Enea Buccilli giornalisti quaquaraqua

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Grande??????

trackback

[…] Milinkovic in patria: “Sto alla Lazio, non mi manca nulla” […]

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Lo Sapevamo – Sergente !!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

E che deve dire.. Il problema si porrà appena arriverà un’offerta del psg o del real

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Adesso vorrei sentire tutti i criticoni grande guerriero FORZA LAZIO SEMPRE

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Leggendo certe cifre solo Milinkovic non vale un ca…
Poi leggi che per Dzeko 10 anni di più vogliono 20+ 2 di bonus e non ha vinto niente
Vero Alessandro Tudini???

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

SPERIAMOOOOO
CAMPIONE ?????????????

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Te credo ma chi te se pia’. 0 offerte, nessuna richiesta ufficiale. Andra’via a 0.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Ditelo anche a D’Amico che so 2 mesi che prova a mandarlo (a parole) in qualche squadra.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

???????

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

bravo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Bravissimoooo ???

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Love you ???

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Non sarebbe durato un solo giorno con questa Società. Lui,uomo onesto e vero."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da News