Resta in contatto

News

Badelj si (ri)presenta alla Fiorentina: “Alla Lazio ho fallito io”

Milan Badelj conferenza Fiorentina

Una conferenza stampa a sorpresa, quella che ha visto protagonista il centrocampista croato: l’ormai ex biancoceleste spiega cosa non ha funzionato a Roma

È spuntato a sorpresa in conferenza stampa, Milan Badelj, insieme a Joe Barone (braccio destro del presidente viola Rocco Commisso) e il ds Daniele Pradè.

Il centrocampista croato ha spiegato i motivi del suo ritorno alla Fiorentina, le ragioni per cui ha trovato difficoltà alla Lazio e i suoi obiettivi per la nuova stagione. Queste le parole dell’ormai ex biancoceleste:

Alla Lazio la stagione scorsa è stata più in scuro che in chiaro, ma più per colpa mia. Non sono riuscito ad adattarmi al meglio, lo vedo come un mio fallimento, sono io il responsabile. Le mie condizioni non mi hanno permesso di esprimere quello che so fare. Voglio assolutamente ringraziare la Lazio, sarò sempre grato per l’opportunità, nei momenti decisivi non sono stato in grado di conquistarla”.

La mia decisione di lasciare la Fiorentina era legata solamente a discorsi sportivi, a 29 anni volevo provare qualcos’altro. Ma non ho mai mollato il mio legame con il club, con Firenze e con i fiorentini. Grazie a Dio c’è stata l’opportunità di tornare, è stata l’unica soluzione per me oltre alla possibilità di rimanere alla Lazio”.

“La decisione di andare via un anno fa è stata mia, l’offerta di rinnovo c’è stata. Non mi piace leggere”.

“All’inizio non pensavo ci fosse la possibilità di tornare, perché ero andato via a parametro zero. Ma oggi sento un’emozione impressionante, sono totalmente complesso”.

“Vorrei trovare la serenità e la tranquillità, insieme con la mia famiglia, nel posto che mi ha dato tutto. Farò il massimo per ripagare la fiducia dei tifosi. È normale avere dubbi, anche io li avrei al posto loro”.

Non mi aspetto di riavere la fascia da capitano, in questo momento è in mano a un uomo vero che se la merita (German Pezzella, ndr)”.

“Voglio tornare ai livelli migliori che ho toccato qui a Firenze e aiutare i più giovani”.

“Durante l’ultimo anno mi sono sentito con tutti, una parte di me non era mai andata via. Sono rimasto sempre in contatto anche con i magazzinieri e i fisioterapisti”.

“La tragedia di Davide ha creato qualcosa in più anche dentro di me. Esserne consapevole ha fatto la differenza, non è stato questo il motivo della mia decisione, ma qualcosa in me l’ha suscitata”.

“Uno dei miei obiettivi è riconquistare il Pradé, Barone, Commisso. I sogni esistono e devi seguirli, ma oggi trovo pericoloso dire che concluderò sicuramente la mia carriera a Firenze (sorride, ndr)”.

Sull’ingaggio più basso che percepirà, rispetto alla Lazio: “Per fortuna nel mondo del calcio si guadagna abbastanza bene, mio figlio avrà comunque da mangiare”.


Leggi anche:

Paul, suo figlio e la Lazio a Bournemouth: “Che giornata fantastica!”

10 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
10 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Forse era il caso di tenerlo e dargli un’altra opportunità – non era male come giocatore !!! Tanti Auguri !!!

trackback

[…] Badelj è tornato alla Fiorentina. Dopo la conferenza stampa di oggi pomeriggio, il centrocampista croato ha parlato anche ai microfoni di Sky […]

trackback

[…] alla Fiorentina: dopo la conferenza stampa, ecco anche l’ufficialità. Sia la Lazio che i viola hanno annunciato il trasferimento del […]

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Per me meglio che lui che le scommesse che ci rimangono tipo Berisha oppure giocatori di serie B, come Anderson. Ma sono punti di vista!! Tanto abbiamo Cataldi noi che ci frega

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Grande

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Bravo badelj sarai forte come sempre

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Bravo ragazzo!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Grandissima persona. Queste parole dimostrano uno spessore umano e professionale rari nel calcio di oggi. In becco all’aquila Milan!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Per vedere e sentire giocatori della Lazio dobbiamo aspettare che si trasferiscono in altre squadre……

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "In eterno per noi laziali lui e' e rimarrà per sempre lui il simbolo della nostra amata lazio!!!"
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile stacca Signori in Serie A

Ultimo commento: "Prendere Piola la vedo dura ... "

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il suo dito che esce fuori dalla nebbia al derby. Non si vedeva nulla ma la palla era dentro la rete! E segna sempre lui!"
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Fascetti una persona indimenticabile, grazie"

Altro da News