Resta in contatto

#CardoMercato

Milinkovic, tutto tace: cambio di strategia o quiete prima della tempesta?

Lazio, Sergej Milinkovic Auronzo

Pogba al Real, Milinkovic al Manchester United e il suo sostituto alla Lazio: in questo momento, la giostra delle mezzali ha subito uno stop: la situazione

A distanza di 9 giorni dall’accelerata sul giro delle mezzali, la giostra degli 8 ha subito un brusco stop. Tutto tace dal Manchester United per Milinkovic, i contatti sono interrotti da un po’ e non si capisce se trattasi della quiete prima della tempesta o di un cambio di strategia da parte dei Red Devils.

Sta cercando di saperne di più Kezman, il manager di Sergej, ed è in attesa la Lazio, che però appare serena e ribadisce che nulla si sta muovendo di concreto. Tutti i protagonisti della vicenda guardano a Madrid: il Real ha bisogno di Pogba per calmare una piazza stradelusa da una “pretemporada” avvilente, Florentino Perez prepara un’offerta da 160 milioni che però materialmente allo United non è ancora arrivata e quindi è tutto fermo. E alla fine del mercato inglese mancano 7 giorni.

Allora si può sperare che Sergej resti alla Lazio, sempre che sia motivato e non depresso per la mancata cessione? Troppo presto per dirlo, il momento è topico per il mercato inglese e per questa situazione. Il ragazzo firmerebbe volentieri quel contratto da 6 milioni netti a stagione per 6 anni proposto dallo United quando l’affare sembrava molto più vicino di adesso, la Lazio però assicura che se resterà in biancoceleste continuerà a fare la differenza, insomma giocherà da vero Sergej, non come la controfigura vista nei primi mesi della scorsa stagione.

Il problema semmai sarà per tifosi e cronisti, che anche dopo l’8 agosto dovranno fare i conti con mille voci sul futuro di Milinkovic, perché Real (ovviamente se non avrà preso Pogba), Psg e Juve, per esempio, avranno tempo fino al 2 settembre per acquistarlo e quindi il tormentone è destinato (purtroppo) a continuare. Tutto, meno un Sergej con la testa altrove nel derby del 1 settembre: questo sarebbe inaccettabile.

Se invece in questi giorni la giostra degli 8 si rimetterà in moto, allora bisogna solo sperare che l’erede del serbo sia all’altezza di una Lazio ambiziosa, visto che l’obiettivo dichiarato è la Champions e che Lotito ogni giorno ribadisce che, a prescindere dalla permanenza di Sergej, la squadra sarà più forte dello scorso anno.

 

Partecipa alla discussione sul muro del Tifoso:

Se rimanesse Milinkovic, la Lazio sarebbe completa?

 

Leggi anche:

El Tucu ricorda l’accoglienza calorosa dei tifosi di un anno fa

9 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
9 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] come già detto nei giorni scorsi, sarà un week-end decisivo per l’eventuale passaggio in premier, sponda United. Ma nel caso […]

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Per me non partirà, né finora é stato mai vicino a partire. Trattasi di linciaggio mediatico

trackback

[…] futuro di Sergej Milinkovic, al momento tutto tace: ve l’ha raccontato ieri il nostro direttore Giulio Cardone. Il Manchester United non ha ancora sferrato il colpo decisivo, le altre potenziali pretendenti – […]

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Nn parte, almeno x quest’anno è nn e ‘ na notizia de dazn……..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

All’Inter

trackback

[…] Milinkovic, tutto tace: cambio di strategia o quiete prima della tempesta? […]

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Secondo me lascia la Lazio

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Se non lo prenderà il Manchester comunque dovremmo sopportare un altro mese perché il psg soprattutto se vende neymar credo sia una delle candidate principali

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Partecipate al dibattito sul futuro di Sergej sul nostro “muro del Tifoso”: è lo spazio che abbiamo creato apposta per voi, amici di SololaLazio.it ?

https://www.sololalazio.it/2019/08/01/milinkovic-lazio-muro-tifoso-01-08-2019/

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: col gol al derby, Immobile supera anche Rocchi nello score delle stracittadine

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Ricordo bene quei giorni e inoltre Pablito e' sempre stato umile, equilibrato, rispettoso. Una di quelle persone che rispetti profondamente anche se..."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da #CardoMercato