Resta in contatto

News

Lazio, Cerasaro fa eco a Allavena: “Lavoriamo sulle nostre certezze”

Calciomercato Lazio, la situazione secondo Tuttosport

Dopo l’allenamento mattutino, facendo eco al suo collega Allavena, il Match Analyst Ferruccio Cerasaro ha paralto ai media ufficiali biancocelesti.

Dopo le parole di Enrico Allavena, ecco anche l’analisi dell’altro Match Analyst biancoceleste, Ferruccio Cerasaro. Al termine dell’allenamento di stamattina è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel. Ecco le sue parole:

“Il risultato della stagione non è stato quello che ci aspettavamo. È stato figlio delle ultime giornate, perché fino a tre-quattro giornate dalla fine eravamo tutti in ballo. Poi c’è stato un momento un po’ così e la posizione finale è stata quella lì. Però nelle corde avevamo posizioni ben diverse. La Coppa Italia è stata una grande soddisfazione. C’è stato un grande lavoro per conquistarla e siamo contenti che sia arrivata”.

“Qui stiamo lavorando sulle nostre certezze, cercando di migliorare quello che c’è da migliorare in modo sereno e unito. Stiamo lavorando bene”.

Le indicazioni che arrivano dal campo e dai nuovi arrivati.

“I nuovi si sono inseriti molto bene, ma questo è anche merito di chi già era qui. Si sono integrati bene, anche al livello tecnico, sono ragazzi molto validi. È poco che sono con noi, ma le prime impressioni sono molto positive”.

Il lavoro è ripartito dal solito e collaudato 3-5-2. Ma non mancano modifiche tattiche e soluzioni alternative. Per questo si stanno studiando e provando alcuni accorgimenti.

“Il nostro 3-5-2 è molto duttile. In determinate situazioni tattiche si trasforma anche in un 4-4-2. Specialmente nella fase di non possesso. Diciamo che dare i numeri è bello, ma è una cosa un po’ più giornalistica. Noi lavoriamo molto sull’occupazione degli spazi, sul tipo di costruzioni da fare e su come difendere in fase di non possesso. Però, sì, se si vogliono dare dei numeri il nostro modulo di riferimento è quello lì.

Lo sviluppo del lavoro insieme a Enrico Allavena.

Noi ci concentriamo tanto sulle palle inattive, perché nel calcio moderno, dove la tattica la fa da padrone, diventano soluzioni vincenti. Cerchiamo di studiare bene gli avversari con tutte le soluzioni che hanno, in modo da essere preparati e poi cerchiamo di sfruttare al meglio le debolezze degli avversari. In questi tre anni le cose sono andate abbastanza bene, speriamo di continuare così”.

Avere a disposizione specialisti, dei calci piazzati aiuta molto la ricerca di possibili soluzioni di gioco.

“Alla fine le cose fondamentali sono due: chi batte e i tempi di attacco della palla. I tempi si possono allenare, la bravura balistica dei singoli calciatori è innata. Oltre Luis Alberto direi che ne abbiamo tanti altri, come Danilo Cataldi e anche Lucas Leiva. L’angolo più importante dell’anno, in finale di Coppa Italia, l’ha tirato proprio lui”.

Vavro possibile arma in più nel gioco aereo.

“Abbiamo parlato con lui prima delle amichevoli. È uno molto attento, sa come attaccare la porta. ha una struttura fisica importante e quindi speriamo possa diventare un arma in più per noi. Poi c’è anche Jony che è un ottimo mancino, quindi una soluzione in più”.

Il clima del ritiro.

In chiusura di intervista Cerasaro si è detto colpito in positivo dal modo in cui si la squadra sta vivendo questo ritiro.

“C’è un clima bellissimo. Mi ha sorpreso, perché magari dopo tre anni poteva essere un po’ piatto. Invece no, c’è un ambiente più che positivo e sono molto contento di questo”.

 

Leggi anche:

Presentazione seconda maglia, Corsport: “Stasera sipario sulla Lazio”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Immobile da record: Ciro a -1 dalla top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "È stato e sarà per sempre il più grande goleador del mondo e segna sempre lui, e segna sempre lui, si chiama Beppe Signori, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News