Resta in contatto

Esclusive

L’agente di Adekanye a SLL: “Giusto un po’ di pazienza e vi farà divertire!”

Bobby Adekanye Lazio

Abbiamo intervistato il procuratore di Bobby Adekanye, Josep Maria Minguella: ci ha raccontato i primi giorni di Lazio e le sue doti tecniche

Tra i nuovi acquisti della Lazio, Bobby Adekanye è probabilmente quello che suscita maggiore curiosità. Per le sue doti da ala-giocoliere, così tanto legate alla tradizione olandese, ma anche perché si sta preparando alla sua prima stagione nel calcio professionistico.

I primi colpi di classe in amichevole, la necessità di ritagliarsi il proprio tempo per adattarsi alle richieste tattiche di Simone Inzaghi e ambientarsi in una realtà tutta nuova come quella italiana. Perché allora non farci raccontare le sue prime impressioni, le sue ambizioni da chi ha gestito il passaggio del funambolo classe 1999 alla Lazio?

L’agente di Adekanye a Sololalazio.it: “Robben il suo idolo, ma…”

Noi di Sololalazio.it abbiamo intervistato Junior Minguella della Minguella Management Football, la scuderia che cura gli interessi del nuovo numero 34 biancoceleste.

– Ha parlato con Bobby durante questa prima settimana di ritiro ad Auronzo? L’ha sentito entusiasta del suo inizio?

“Parlo con lui più o meno ogni giorno. Mi ha detto di essere molto felice e di trovarsi già benissimo con il gruppo”.

– Nelle prime uscite stagionali, Adekanye si è regalato anche un gol di tacco: ci sembra un giocatore molto attratto dalle giocate spettacolari, non è vero?

“Bobby è un giocatore molto tecnico, dalle mille risorse. Per lui è normale dare vita a questo tipo di giocate”.

– Come si sta trovando con Inzaghi e con i nuovi compagni? Quanto crede che gli servirà per ambientarsi?

“È un ragazzo molto socievole, non ci mette nulla a fare amicizia. Sinceramente non penso che impiegherà molto per ambientarsi: nonostante sia ancora giovanissimo, ha lasciato l’Olanda a 12 anni per giocare nel Barcellona. Poi si è trasferito in Inghilterra, dove il cambio culturale è sicuramente più netto rispetto all’Italia. Direi che Bobby sia molto più ‘mediterraneo’ che ‘atlantico'”.

– Chi è l’idolo calcistico di Bobby? Proviamo a indovinare noi… Robben?

“Sì, fin da piccolo Robben è stato il suo idolo, sia per la nazionalità che per le somiglianze nella posizione in campo e nel creare superiorità numerica. A Bobby poi piace molto accentrarsi dalla corsia esterna per cercare la porta. Senza voler minimamente sminuire Robben, credo che Adekanye possa essere più efficace tanto sulla sinistra che per vie centrali, non solo sull’out destro”.

– Secondo lei, perché il Liverpool non gli ha concesso spazio in prima squadra?

“Data la sua situazione contrattuale, credo che il Liverpool abbia avuto paura di rischiare qualcosa in più con lui a livello di partite ufficiale. È un timore che vale da sempre: lo fai giocare, lo vede tutto il mondo e poi magari te lo fai scappare. Loro avrebbero voluto prima rinnovargli il contratto, ma dal punto di vista dei giocatori ciò rappresenta una decisione prematura che non garantisce nulla”.

– Sulla questione del reclamo dei Reds alla Fifa, qual è la vostra posizione? Prevale la tranquillità?

“Sì, siamo tranquilli perché non è stato compiuto assolutamente nulla di irregolare”.

– Per concludere, vuole rivolgere un messaggio ai tifosi della Lazio?

“L’unica cosa che mi sento di dire con il cuore in mano è che la città di Roma ha abbracciato una persona eccellente. Per fortuna seguo Bobby da molti anni a livello personale e calcistico, se i tifosi gli concedono giusto un po’ di pazienza, si divertiranno moltissimo con le sue magie”.

 

Leggi anche:

Jony, dalla Spagna: “Malaga pronto a dare battaglia”. Ma la Lazio è serena

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] L’agente di Adekanye a SLL: “Giusto un po’ di pazienza e vi farà divertire!&#8221… […]

trackback

[…] L’agente di Adekanye a SLL: “Giusto un po’ di pazienza e vi farà divertire!&#8221… […]

trackback

[…] L’agente di Adekanye a SLL: “Giusto un po’ di pazienza e vi farà divertire!&#8221… […]

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile torna al gol, doppietta contro il Benevento

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
Advertisement

Altro da Esclusive