Resta in contatto

Approfondimenti

Bentornato Radu: “Chiedo scusa a tutti, è una liberazione!”

Stefan Radu conferenza

Stefan Radu è di nuovo in rosa, ha raggiunto i compagni di squadra ad Auronzo: il difensore romeno è intervenuto in conferenza stampa, tutte le sue parole

Stefan Radu is back, il veterano biancoceleste è tornato. Dopo un periodo complicato, che sembrava poter chiudere la sua lunga storia con la Lazio, il difensore romeno è di nuovo a disposizione di Simone Inzaghi.

Le visite mediche stamattina, poi via ad Auronzo: il numero 26 ha raggiunto i compagni di squadra in ritiro, che l’hanno accolto con un grandissimo abbraccio. Stefan è intervenuto in conferenza stampa, la prima della stagione biancoceleste. Queste le sue dichiarazioni.

La conferenza stampa di Stefan Radu: “Da marzo non sono stato più io”

“Per prima cosa voglio ringraziare il presidente e tutta la società per l’opportunità di far parte di nuovo della grande famiglia laziale. È stato il momento più buio della mia carriera, da marzo in poi non sono stato più io come uomo e come giocatore. Sono emozionato, spero di ripagare la fiducia della società con buone prestazioni”.

“Ritorno a casa, sono stato male negli ultimi giorni per il mio sbaglio e lo riconosco. Adesso è una liberazione, ringrazio tutti i tifosi che mi sono stati vicino in questi momenti”.

“Dopo l’infortunio alla caviglia, non riuscendo a guarire, ho iniziato a pensare in negativo e ho sbagliato nei confronti della società e dei miei compagni. Oggi sono qui a chiedere a scusa a loro e a tutti quelli che magari ho offeso in quel periodo”.

“Posso dire che mi sento come un nuovo acquisto, ma ho tanta esperienza alle spalle e so che posso dare ancora tanto a questa squadra“.

“Dopo quello che è uscito, che la Lazio non mi voleva più, abbiamo ricevuto tante richieste. Ma ho subito detto ‘no’ a qualsiasi offerta“.

Conclude Stefano De Martino

“Le tante ricostruzioni fatte sono più che fantasiose, nulla di vero nei confronti del ragazzo”.

 

Leggi anche:

Lazio, Radu in Paideia con Jony e Badelj. A sorpresa anche Durmisi (V&F)

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] Bentornato Radu: “Chiedo scusa a tutti, è una liberazione!” […]

trackback

[…] Bentornato Radu: “Chiedo scusa a tutti, è una liberazione!” […]

trackback

[…] pomeriggio ad Auronzo di Cadore si è aperto con l’arrivo di Radu e la sua conferenza stampa di scuse. Il difensore rumeno non ha poi perso tempo, scendendo subito in campo. Una serie di ripetute sui […]

trackback

[…] definita Stefan Radu. Il difensore romeno è tornato, la Lazio ha di nuovo il suo veterano. Dopo la conferenza stampa del numero 26 biancoceleste, direttamente dal ritiro di Auronzo di Cadore, ha parlato anche il suo agente Matteo […]

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: col gol al derby, Immobile supera anche Rocchi nello score delle stracittadine

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Ricordo bene quei giorni e inoltre Pablito e' sempre stato umile, equilibrato, rispettoso. Una di quelle persone che rispetti profondamente anche se..."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da Approfondimenti