Resta in contatto

Esclusive

Lazio, 5 domande ad Acquafresca: “Fui molto vicino ai biancocelesti”

Lazio, intervista ad Acquafresca

In vista di Cagliari – Lazio, abbiamo intervistato l’ex centravanti dei sardi, che rivela di essere stato molto vicino all’approdo in biancoceleste

Continua la marcia di avvicinamento a Cagliari- Lazio, terzultima giornata di Serie A in programma sabato alle 18.00.

Per commentare i temi del match e proiettarci alla finale di Coppa Italia di mercoledì, abbiamo intervistato Robert Acquafresca, che con la maglia dei sardi ha segnato 32 reti.

È un Cagliari arrabbiato dopo l’episodio di Napoli, giocherà al 100% contro la Lazio anche se non ha alcun obiettivo da centrare…

“C’è sempre da migliorarsi, credo vogliano arrivare al 10° posto. Daranno il massimo anche perché oltre agli obiettivi di squadra ci sono quelli personali dei singoli giocatori”.

Sulla finale di Coppa Italia di mercoledì…

“La stagione della Lazio non è tutta da buttare. Guarderei il bicchiere mezzo pieno, considerando anche la finale di Coppa Italia raggiunta. In campionato bisogna considerare che alcune squadre si sono rinforzate e che l’Atalanta sta facendo una stagione incredibile. Inoltre alcuni episodi non sono stati favorevoli alla squadra di Inzaghi, che reputo essere un ottimo tecnico”.

Immobile sta vivendo un periodo difficile, comincia anche a essere criticato…

“Non è facile per lui segnare tutti gli anni più di 30 gol. Non lo possiamo mettere in discussione, purtroppo nel calcio si dimentica troppo in fretta. Lui non è il classico attaccante che se ne frega, che rimane lì davanti. Immobile partecipa molto alla manovra della Lazio, torna tanto indietro e svaria su tutto il fronte d’attacco: le prestazioni non sono mai mancate. Non è facile poi essere lucidi in zona gol. Poi ci sono dei momenti in cui la palla non entra, ma l’allenatore fa bene a insistere con lui”.

Sei mai stato vicino alla Lazio?

“Sì e molto, sono stato io a dire di ‘no’. Il motivo? Venivo da una stagione molto complicata tra Genoa e Atalanta. Ho avuto due brutti e lunghi infortuni, quindi avevo voglia di giocare con continuità. Se fossi venuto alla Lazio, con Rocchi, Floccari e Zarate, avrei avuto poco spazio. Preferì tornare a Cagliari per avere maggior minutaggio. Purtroppo poi non mi è più tornata l’opportunità, questo è un rimorso, però ho sempre agito a fin di bene, senza pensare ai soldi”.

Il Cagliari potrà fare il salto di qualità stile Atalanta?

“Sono state gettate le basi per un futuro roseo. La costruzione dello stadio e i futuri introiti sono elementi che possono alzare l’asticella. Il presidente Giulini ha sempre dimostrato di volere fare un salto, prendendo per esempio giocatori di valore come Bruno Alves, Borriello, Van der Wiel, Pavoletti, Srna e Castro”.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Il libero e capitano della Lazio del primo scudetto

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Unico , indimenticabile , una bandiera , un trascinatore ... di una tale Lazialita' senza rivali.......Quel coraggio di affrontare una curva..."

Immobile da record: Ciro stacca Quagliarella e punta la top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Quindi caro Val dormi tranquillo con Lotito tutto quello che potevamo fare lo abbiamo fatto, continueremo a galleggiare. ..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "emozioni infinite in curva nord! con questa luce che mi abbagliaaaa....Grazie Beppe sei un grandissimo"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Esclusive