Resta in contatto

News

Il comunicato del Milan sul comportamento di Bakayoko e Kessie

Coronavirus, Paolo Maldini è positivo: il primo contagio rossonero

In riferimento al caso generato dal comportamento di Bakayoko e Kessie dopo Milan-Lazio, la società rossonera ha emesso un comunicato ufficiale.

Dopo quanto avvenuto ieri sera al termine della gara e le successive polemiche e conseguenze generate, l’A.C Milan ha ritenuto di dover emettere un comunicato ufficiale sul proprio sito per chiarire la posizione della società in merito.

Questo il testo integrale:

AC Milan intende ricostruire i fatti successivi all’incontro della 32ma giornata di campionato fra Milan e Lazio ed esprimere qualche precisazione. I giocatori rossoneri, a fine partita, si sono recati sotto la curva Sud dello stadio di San Siro per salutare il pubblico. È consuetudine si avvicinino agli spalti per un ringraziamento finale. Ieri sera, Tiémoué Bakayoko ha raggiunto i compagni sotto gli spalti con la maglia di Francesco Acerbi, avendo poco prima sportivamente effettuato lo scambio di casacche e l’ha mostrata per pochi secondi (insieme a Franck Kessie) al pubblico nel solo intento di celebrare una vittoria importante senza finalità di scherno, né intenti aggressivi o anti-sportivi: un’innocente, ingenua risposta allo scambio amichevole di tweet con Acerbi nei giorni che avevano preceduto la gara. Lo dimostra la dinamica di quanto avvenuto, le espressioni dei giocatori, la totale assenza di fischi o di altri elementi negativi. A conferma di ciò, nel constatare che questo episodio, davvero innocente, avesse poi generato il dispiacere personale di Francesco Acerbi (collega che tutti i giocatori del Milan rispettano) sia Tiémoué che Franck si sono pubblicamente scusati con lui. E come gesto innocente lo ha del resto, lucidamente, interpretato anche lo stesso Direttore Sportivo della Lazio, Igli Tare, che a fine gara ha dichiarato che si è trattato di uno “sfottò che fa parte di una partita accesa, non dobbiamo dargli grande importanza”. Il Milan è fondato su valori come rispetto (in campo e fuori) equità, inclusione: Tiémoué e Franck conoscono, condividono ed esprimono quei valori tutti i giorni.

 

Leggi anche:

Milan-Lazio, Musacchio e Biglia hanno provato a fermare i compagni

42 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
42 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
roberto
roberto
1 anno fa

è stata una cosa vergognosa…se acerbi ha voluto chiudere la cosa é perché intelligentemente sa che a giorni c’è milan lazio di coppa italia…vergogna per il comportamento dei due milanisti

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

VERGOGNA

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

???

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Si comportano così perchè le alte sfere del calcio Italiano non gli fanno niente. Non dovrebbero neanche giocare in Europa Leage perchè hanno un bilancio in passivo.Quei due deveno essere squalificati a VITA. Queste scene portano solo alla violenza.

Riccardo
Riccardo
1 anno fa

Ci vediamo in semifinale di coppa Italia gradassi rossoneri che non siete altro….

Dott. Maurizio Bonanni
Dott. Maurizio Bonanni
1 anno fa

Si sono comportato per quello che sono..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Senza parole. ??

Tino
Tino
1 anno fa

Secondo me l’unico vero problema é che ai laziali brucia il popó per la sconfitta che li vede fuori dalla zona champions. Il resto sono solo chiacchiere ipocrite!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Siete sempre stati come Crudeli viscidi schifosi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

???

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Gesto scortese e superficiale. Non è la maglia di uno qualunque, ma di un esempio di vita per tutti…non pensarci è un limite cognitivo. Poco spessore. Difenderli è un limite sportivo. Sempre poco spessore…crescere dovrebbe essere l’obiettivo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Alle volte dire “hanno sbagliato e chiediamo scusa” non è disonore ma rispetto

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Buffoni.

Alex
Alex
1 anno fa

Game over.ci vediamo in coppa.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Ce ne battiamo le palle con le vostre scuse! Ci vuole rispetto per le persone!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Più falsi di una banconota di 7 euro

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Fate vomitare

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Gattuso fa schifo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Sono figli di Berlusconi che vi aspettavate??

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Ci vediamo a Roma

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Sete più bugiardi de na lapide,FATE SCHIFOOOOOO

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Che zozzoni

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Il milan di galliani non avrebbe mai emesso un com7nicato del genere….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Non ho parole…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Adesso hanno pure ragione???

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Che comunicato falso, come il loro bilancio.. fate schifo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

VERRÀ APERTA un’inchiesta QUESTI 2 esseri ignobili vanno puniti

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Non mi convince non si fa devono essere ripresi contano solo i buuuuu per la Lazio non era sportivo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Buffoni

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Non trovate scuse il gesto visto da tutto il mondo è grave non va assolutamente sottovalutato va inflitta una punizione severa

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Vi dovete solo che vergognare e ci dovrebbe pensare chi di dovere a una sanzione esemplare

trackback

[…] coda lunga di Milan-Lazio si arricchisce di un nuovo capitolo: il comunicato del club rossonero, che ricostruisce – secondo la propria versione – la vicenda della maglia di Acerbi esposta da […]

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Concordo in pieno ??

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Ma perché che pensavate dicevano????

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Siete vergognosi e schifosi nei vostri comportamenti,ci volete prendere anche per i fondelli.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Falsi.falsi.falsi. bugiardi di. M….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Due persone indifendibili

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Innocente innocente innocente..
Excusatio non petita, accusatio manifesta

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

E che basta uno scarno e inutile comunicato per difendere due persone indifendibile lo prova il fatto che sia Biglia che Romagnoli tolgono dalle mani di quei due dementi la maglia se era un semplice sfottò non l’avrebbero mai tolta Sinceramente mi sono rotto le palle di subire sempre sia in campo che sugli spalti Spero che la società cominci ad alzare la voce e farsi sentire

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Vi ho sempre detestato..
Oggi ancora di più

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Quando la toppa fa più schifo del buco

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Io ho vissuto l era VINCENZO PAPARELLI ERO LI E NON SONO PIU ANDATO ALLO STADIO MA POI L ARRIVO DI BEPPE SIGNORI MI HA FATTO IMPAZZIRE E MI SONO..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da News