Resta in contatto

Approfondimenti

Siviglia-Lazio, perché credere nell’impresa?

Lazio, allenamento

Alle 18.00 la Lazio affronterà gli spagnoli al Ramón Sánchez Pizjuán. Si riparte dallo 0-1 dell’Olimpico: per passare agli ottavi di finale di Europa League servirà vincere segnando due gol.

C’è un’aria strana questa mattina a Roma, la Lazio gioca tra poche ore ma nessuno ne parla. “Forse non interessa nessuno”, errore. Interessa e come. Ma il sentimento che più contraddistingue il tifoso biancoceleste oggi è la rassegnazione. Al bar, tra un cornetto e un caffè, lo sguardo è quello. Nessuno crede nell’impresa, perché di impresa bisogna parlare dato che la Lazio dovrà vincere in casa del Siviglia segnando almeno due gol (qui per i precedenti delle italiane in Andalusia).

C’è davvero speranza per la Lazio?

La speranza c’è, esiste. Ma è flebile, sopratutto davanti a degli ostacoli che sembrano insormontabili. Il Siviglia è una squadra forte, spagnola, in grado di palleggiare anche per 90 minuti. In casa, nel caldissimo Ramón Sánchez Pizjuán, ha perso soltanto 2 volte in questa stagione. In più la Lazio non è al top della condizione, sia mentale ma sopratutto fisica, con tanti giocatori in infermeria. Nonostante pensare alla qualificazione sia solo un sogno, proviamo a essere ottimisti con dei motivi per credere nell’impresa.

1 – L’imprevedibilità del calcio

La vittoria dello United in finale di Coppa dei Campioni a Barcellona nel ’99 contro il Bayern Monaco: 2 gol nei minuti di recupero. La rete di Klose nel derby con la corsa di Reja sotto la Nord, era il 2011. Lo Scudetto del Leicester di Ranieri e l’incredibile vittoria del Liverpool, in rimonta da 0-3, sul Milan a Istanbul in finale di Champions. E, purtroppo, come non ricordare la sconfitta del Barcellona all’Olimpico contro la Roma, che con il 3-0 è passata in semifinale. “E quindi?”, lecita la domanda. Apparentemente sono vittorie, frammenti di storia non collegati tra loro. Eppure c’è un filo conduttore che li unisce. Sono alcune tra le mille testimonianze più nitide che nel calcio non è mai detta l’ultima parola. È troppo strano, imprevedibile ed episodico. E davvero, a volte, può succedere l’incredibile. Per testimonianza chiedere al tifoso laziale lumi sul 14 maggio 2000. Uno Scudetto vinto grazie alla pioggia, al cuore e al sacrificio. Una follia sportiva.

2 – I recuperi

Rispetto alla gara d’andata si rivedrà in campo Milinkovic, che darà sicuramente uno spessore ben diverso al centrocampo della Lazio. Stesso discorso per Immobile, out per precauzione giovedì scorso: farà la staffetta con Correa. Parolo è ancora in dubbio, la caviglia non è al meglio, ma è comunque a disposizione di Inzaghi. Sono tre recuperi, quattro se ci mettiamo Radu che a Genova ha chiesto il cambio, che potranno dare qualcosa in più alla squadra. Dal punto di vista tecnico, certo, ma anche sul piano della personalità e del coraggio. E di coraggio, oggi, ce ne vorrà tanto.

3 – Il momento del Siviglia: non è imbattibile

‘Estadio Deportivo’, portale molto vicino alla squadra biancorossa, ha usato il termine ‘miraggio’ per definire la vittoria all’Olimpico per 0-1 di giovedì sera. Questo perché come la Lazio, anche il Siviglia non sta attraversando un momento di forma esaltante. Lo dicono le prestazioni, in Liga molto sottotono, ma sopratutto lo confermano i numeri. Nei 12 match giocato nel nuovo anno, gli andalusi hanno collezionato 2 pareggi, 4 vittorie e 6 sconfitte. L’ultima, pesantissima, contro il Villarreal domenica scorsa per 3-0.

4 – La voglia degli ex

Immobile e Correa sono due ex Siviglia e, in quanto tali, è logico e innegabile che saranno spinti da un desiderio di rivincita e di rivalsa. Soprattutto Ciro, che in Andalusia non ha fatto bene: 4 gol e 1 assist in 15 presenze. Perché poi si sa, nel calcio quella degli ex è una delle leggi che più vale…

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Voglio credere è non sperare che ce la mettano tutta anche perché sono un po’ a pezzi per partite un po’ troppo vicine comunque vada sempre forza lazio

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

?

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Gufi gufi marameo tutti giù dal Colosseo...Insieme a Maestrelli l'allenatore più importante della Lazio. Onore a lui"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da Approfondimenti