Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Qatar 2022

Camerun-Serbia 3-3: clamorosa rimonta dei Leoni Indomabili!

Rimani sempre aggiornato sul sito Tifosi in Rete

I serbi di Stojkovic sbagliano tanto e rimettono in partita gli africani. L’ingresso di Aboubakar cambia tutto. Nel frattempo, l’interista Onana lascia il ritiro del Camerun

Vigilia movimentata dall’esclusione del portiere dell’Inter e del Camerun Onana, escluso dal match per ignoti motivi disciplinari. Il suo posto tra i pali viene preso da Epassy. Aleksandar Mitrovic ispirato in avvio: colpo di testa alto sopra la traversa (6°) e palo di sinistro dopo un dribbling sulla linea di fondo (11°). Lo stesso numero 9 serbo sbaglia un autentico rigore in movimento (17°), sparando al volo sul fondo dopo un’incredibile carambola in area camerunese. Due giri di lancette più tardi è Kunde, in diagonale al volo, a impegnare in corner V. Milinkovic-Savic. Gol sbagliato, gol subìto… Come recita una delle regole scritte del pallone: Castelletto deve solo spingere in rete (29°) un pallone vagante davanti alla porta della Serbia e sblocca la gara. Ma gli uomini di Piksi Stojkovic non ci stanno e aumentano la pressione, senza sufficiente efficacia. Tuttavia ci riprova due volte Kunde, dopo aver recuperato palla a metà campo (43°). Nulla di fatto. Chiusura di tempo scoppiettante: punizione in area di Tadic, Pavlovic svetta di testa e infila Epassy per il pareggio; Sergej Milinkovic-Savic riceve palla al limite dell’area e insacca con il mancino all’angolino. Rimonta Serbia in 3 minuti! Mitrovic, un po’ egoista, spreca pure la chance per triplicare prima dell’intervallo.

Aleksandar Mitrovic riesce finalmente a segnare al 53°, dopo grande azione corale nata dall’ennesima palla persa dal Camerun. KosticZivkovicMitrovic in orizzontale a spaccare la difesa africana, sinistro rasoterra della punta del Fulham e tris della Serbia. Arriva nel frattempo la notizia che André Onana ha deciso di lasciare il Mondiale con effetto immediato: si attendono commenti dal Camerun in merito. Toko Ekambi telefona a Vanja Milinkovic-Savic per un destro rasoterra (62°): poco dopo al neoentrato Aboubakar viene prima annullato per fuorigioco e poi concesso dal Var un lob vincente sul portiere in uscita; poi lo stesso giocatore dell’Al-Nassr – che ha cambiato letteralmente il match – serve un cioccolatino a Choupo-Moting per il 3-3! Male Milenkovic, che in entrambi i gol tiene in gioco gli avversari sul filo del fuorigioco. Stojkovic visibilmente contrariato in panchina, per il clamoroso ritorno dei Leoni Indomabili. Aleksandar Mitrovic sfiora il 4-3 con un destro verso il montante più lontano: fuori! Finisce sul pari una partita avvincente, che tuttavia non consente di alimentare speranze di passaggio del turno per entrambe.

TABELLINO

CAMERUN-SERBIA 3-3

CAMERUN (4-3-3): Epassy; Fai, Castelletto, Nkoulou, Tolo; Anguissa (81° Gouet), Kunde (67° Ondoua), Hongla (55° Aboubakar); Mbeumo (81° N’koudou), Choupo-Moting (C), Toko Ekambi (67° Bassogog). Commissario tecnico: Rigobert Song.

SERBIA (3-4-3): V. Milinkovic-Savic; Milenkovic, Veljkovic (78° Babic), Pavlovic (56° S. Mitrovic); Zivkovic (78° Radonijc), Lukic, Maksimovic, Kostic (92° Djuricic); Tadic (C), A. Mitrovic, S. Milinkovic-Savic (79° Grujic). Commissario tecnico: Dragan Stojkovic.

ARBITRO: Abdulla (Emirati Arabi Uniti).

RETE: 29° Castelletto, 46° pt Pavlovic, 48° pt S. Milinkovic-Savic, 53° Mitrovic, 63° Aboubakar, 66° Choupo-Moting.

NOTE: ammoniti Nkoulou, Bassogog (in panchina), Jovic (in panchina); minuti di recupero: 6 e 6.

The post Camerun-Serbia 3-3: clamorosa rimonta dei Leoni Indomabili! appeared first on Tifosinrete.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "60anni,ancora problemi di vita da risolvere ma ogni volta che torno ai tempi di Beppe Signori mi commuovo e la testa si riempie di ricordi strepitosi..."

Immobile da record: staccato Signori nella Top 10 dei marcatori di Serie A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Qatar 2022