Resta in contatto

News

Lazio, la presentazione di Vecino: “Se sono qui è perché avevano bisogno di me”

Conferenza stampa di presentazione ufficiale a Formello per Matias Vecino, l’ultimo dei nuovi acquisti della Lazio.

Arrivato da pochi giorni alla Lazio, è già tempo di presentazione ufficiale per Matias Vecino. L’ultimo, in ordine di tempo, degli acquisti biancocelesti di quest’anno ha parlato così in conferenza stampa a Formello:

Sicuramente è stato molto bello poter arrivare qui. Il mister mi conosce bene, sa quali sono le mie caratteristiche e lui sa bene dovo posso servire. Io sono a disposizione. Sarà il mister a scegliere il momento giusto e dove farmi giocare.

Se sono qui è anche il destino che lo voleva. Se ne era parlato anche in passato, alla fine eccomi. Sono contento, anche dei compagni, che sono fortissimi. So bene dove sono arrivato e so bene che posso dare il mio contrivuto. Quello che conta è fare sempre meglio.

Ho ritrovato lo stesso Sarri che ricordavo. Per me è stato un tuffo nel passato ai tempi di Empoli, conosco già il modo di lavorare e cosa chiede. Voglio tornare a sentirmi un giocatore importante e utile. Dopo due anni difficili questo è l’ambiente ideale per me. Al livello di squadra dobbiamo tornare in Champions, che è alla nostra portata.

La Nazionale per ogni giocatore è qualcosa di unico. Io ho giocato tante volte la Copa America, i Mondiali e la spinta del pubblico ti dà sempre qualcosa in più e aggiunge sempre molto al bagaglio di ogni giocatore. Mi sono allenato con altri compagni di nazionale in queste settimane. Penso di essere in una buona condizione e credo di poter mettere le  mie caratteristiche a disposizione. Se sono qui è perché ne avevano bisogno“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Gli vorrò per sempre bene, il il mio idolo calcistico, il grande, l'insuperabile Beppe Gool, e segna sempre lui e segna sempre lui, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."

Immobile da record: Ciro stacca Quagliarella e punta la top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Unico solo intramontabile Ciro! Grazie di esistere"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News