Resta in contatto

Rubriche

Diamo i Numeri, prima vittoria nel 2022 della Lazio e non solo

Diamo i Numeri, arriva puntuale la nostra rubrica numerica a cura di Daniele Caroleo.

La prima vittoria del 2022 della Lazio corrisponde anche al primo clean sheet in trasferta del club biancoceleste in questa Serie A: a Salerno, come ricordato perfettamente da LazioPage, si interrompe dunque la striscia di 15 partite consecutive fuori casa con almeno un gol subito della squadra capitolina (era la più lunga d’Italia, la sesta in Europa).

Contro la Salernitana però, al netto dell’oggettiva differenza tra le 2 compagini e del risultato di 3 a 0 a favore della Lazio (uguale a quello dell’andata) che non lascia molto spazio all’interpretazione, c’è stato un dominio assoluto degli uomini di Maurizio Sarri. Basti pensare, ad esempio, che alla fine del primo tempo il dato sul possesso palla era del 77% a favore dei biancocelesti (al termine della partita scenderà al 75%), con un’accuratezza di passaggio del 92% (ben 810 riusciti).

Inoltre sono stati 15 i tiri (di cui 8 indirizzati tra i pali) della Lazio, con Ciro Immobile, autore di una doppietta, autentico mattatore della serata. Il bomber biancoceleste, con questa prestazione, sale a 170 reti segnate complessivamente con la maglia con l’aquila sul petto, di cui 140 solo in campionato (a sole 3 lunghezze da Silvio Piola in questa speciale graduatoria): dal 2016/2017, la stagione del suo arrivo a Formello, Ciro risulta essere, secondo i dati forniti da OPTA, il 3° più prolifico goleador nei 5 principali campionati europei, dietro solo a Robert Lewandowski (con 179 reti) e Leo Messi (a quota 163 marcature), ed a pari merito con Cristiano Ronaldo (anche lui a 140 gol). Grazie alle 2 reti rifilate alla Salernitana, inoltre, l’attaccante di Torre Annunziata si porta anche a sole 2 marcature dalla top15 dei principali marcatori della storia del nostro campionato (Amedeo Amadei è a quota 174), mentre Fabio Quagliarella, che è attualmente l’attaccante più prolifico tra quelli in attività, dista solo 6 gol (il doriano ha segnato complessivamente 178 reti, distribuite in 520 presenze, a differenza di Immobile che ha raggiunto quota 172 marcature in appena 278 presenze: la media gol di Ciro, per altro, è seconda solo a Gunnar Nordhal tra i principali bomber della storia della Serie A).

L’altro grande protagonista della sfida dell’Arechi è stato poi Milinkovic Savic, che con il suo passaggio delizioso per il primo gol della Lazio, si porta anche ad 8 assist complessivi in questo campionato, balzando da solo in testa alla classifica degli assist-man stilata dalla Lega Serie A. Il serbo, in occasione di questa ennesima prestazione di altissimo livello, per quanto riguarda i dati puramente statistici si è distinto ancora una volta per i chilometri percorsi nel corso del match (12,78, più di chiunque altro in campo) e per numero di palle giocate (138, davanti a Luis Alberto a quota 123).

Il terzo gol biancoceleste è stato infine segnato da Manuel Lazzari (su assist di Felipe Anderson, che sale quindi a quota 5 in campionato), subentrato a partita in corso: quella di Salerno è la sua seconda marcatura in questo campionato (la quinta, complessiva, con la maglia della Lazio in 3 stagioni). Il terzino ex Spal, tra l’altro, detiene anche il primato della velocità in sprint dell’intera partita (34.21 km/h), confermando ulteriormente le sue doti di corridore inarrestabile.

Menzione “particolare”, infine, per Denis Vavro al suo esordio stagionale con la maglia della Lazio (l’ultima sua presenza in biancoceleste risaliva al 21 gennaio del 2021, in Coppa Italia contro il Parma): come simpaticamente evidenziato da Laziocrazia sui social, il difensore slovacco, con i suoi 7 minuti di gioco (+2 di recupero) è diventato, di fatto, l’unico difensore della Lazio a non aver subito gol quando è stato impiegato in questo campionato.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Il libero e capitano della Lazio del primo scudetto

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Unico , indimenticabile , una bandiera , un trascinatore ... di una tale Lazialita' senza rivali.......Quel coraggio di affrontare una curva..."

Immobile da record: Ciro stacca Quagliarella e punta la top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Quindi caro Val dormi tranquillo con Lotito tutto quello che potevamo fare lo abbiamo fatto, continueremo a galleggiare. ..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "emozioni infinite in curva nord! con questa luce che mi abbagliaaaa....Grazie Beppe sei un grandissimo"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Rubriche