Resta in contatto

Euro 2020

Euro2020, verso Italia-Austria: vincere per continuare a sognare

A Wembley, calcio d’inizio alle 21.00, gli Azzurri sfideranno l’Austria per gli ottavi di finale

L’Italia di Roberto Mancini e l’Austria di Franco Foda si giocano un posto nei quarti di finale di Euro 2020, nel suggestivo stadio londinese di Wembley.

Gli Azzurri hanno vinto e dominato il Girone A, conquistando nove punti grazie ad un doppio 3-0, ai danni di Turchia e Svizzera, e all’1-0 sul Galles. Sette gol fatti e nemmeno uno subìto. Cammino diverso per gli austriaci, che si sono qualificati al secondo posto del Girone C alle spalle dell’Olanda: proprio con gli Orange si sono dovuti piegare (2-0) mentre hanno vinto le sfide con Macedonia del Nord (3-1) e con l’Ucraina (1-0).

Alla vigilia della sfida, Roberto Mancini ha parlato in conferenza stampa: “Siamo tranquilli, possiamo contare su giocatori bravi. Chiunque giocherà continuerà a fare quel che ha fatto fino ad oggi. Aspettiamo domani per i dubbi, vediamo domani ma pressappoco ci siamo. Austria? E’ un’ottima squadra. E’ una gara dove non devi sbagliare nulla, è la bellezza di questi tornei: devi vincere per forza, non puoi fare altro”.

Ha parlato anche il ct austriaco Foda: “Abbiamo realizzato qualcosa di straordinario. C’è grande eccitazione. L’Italia ha grandissime qualità, soprattutto in difesa. Attaccano velocemente quando conquistano il pallone e hanno davvero migliorato il loro posizionamento. Ma noi abbiamo un piano”.

Le probabili formazioni

Un unico dubbio per Mancini: il ballottaggio a centrocampo tra Verratti e Locatelli, con il primo favorito. Per il resto si rivedrà l’Italia migliore, con Di Lorenzo e Spinazzola sugli esterni, Bonucci e Acerbi in difesa. Jorginho e Barella a centrocampo, con Berardi, Immobile e Insigne in attacco.

Dall’altra parte, Foda si affiderà al suo classico 4-3-2-1. Arnautovic guiderà l’attacco con il supporto di Sabitzer e Baumagrtner. In difesa Lainer e Alaba, cerniera di centrocampo a 3.

ITALIA (4-3-3): Donnarumma; Di Lorenzo, Bonucci, Acerbi, Spinazzola; Barella, Jorginho, Verratti; Berardi, Immobile, Insigne. 

AUSTRIA (4-3-2-1): Bachmann; Lainer, Dragovic, Hinteregger, Alaba; Laimer, Grlillitsch, Schlager; Baumgartner, Sabitzer; Arnautovic.

Arbitro: Anthony Taylor ENG
Assistenti: Gary Beswick – Adam Nunn ENG
Quarto arbitro: Sandro Schärer SUI
VAR: Stuart Attwell ENG

Quarti di finale

Qualora gli Azzurri di Mancini dovessero battere l’Austria, attenderebbero la vincente dell’ottavo tra Belgio e Portogallo.
La partita sarebbe poi disputata venerdì 2 luglio a Monaco di Baviera alle ore 21.00.

I precedenti

Italia e Austria si affronteranno per la trentottesima volta: bilancio positivo per gli azzurri, che possono vantare 17 vittorie e 8 pareggi. Sono invece 12 le sconfitte, mentre il computo delle reti vede gli austriaci prevalere con 56 reti fatte contro le 49 messe a segno dall’Italia.

IL PRIMO INCROCIO UFFICIALE. È datato 1912: l’occasione fu quella delle Olimpiadi di Svezia, e l’Italia subì una pesante sconfitta: 5-1 il finale.

L’ULTIMA SCONFITTA. Risale a più di 60 anni fa, esattamente al 23 marzo 1958, quando gli azzurri persero in un’amichevole a Vienna col risultato di 3-2.

L’ULTIMO SUCCESSO. L’ultima vittoria azzurra è invece del 1998, ai Mondiali di Francia: l’Italia di Cesare Maldini batté gli austriaci nella fase a gironi, grazie alle reti di Baggio e Vieri: 2-1 il risultato finale.

L’ULTIMA VOLTA. Sono passati tredici anni dall’ultima volta che italiani e austriaci si sono affrontati sul rettangolo verde: l’ultimo incrocio in assoluto è targato 2008, in una gara amichevole: 2-2 a Nizza. Per l’Italia, a segno Gilardino, poi un autogol di Ozcan.

Dove vederla

La sfida tra Italia e Austria sarà trasmessa in diretta tv da Sky,  sui canali Sky Sport Uno (numero 201 del satellite, 472 e 482 del digitale terrestre), Sky Sport (251 del satellite) e Sky Sport Football (203 del satellite, 473 e 484 del digitale terrestre).

Sarà possibile seguirla anche in chiaro su Rai 1: collegamento con lo stadio a partire dalle 20.30, subito dopo il termine dell’edizione serale del TG1.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Gli vorrò per sempre bene, il il mio idolo calcistico, il grande, l'insuperabile Beppe Gool, e segna sempre lui e segna sempre lui, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Euro 2020