Resta in contatto

Rubriche

Senza confini, laziale a Buffalo nel segno di Chinaglia e Salas: “Per far parte di qualcosa di grande”

La lazialità è Senza Confini. Ma come vivono la Lazio i tifosi che si trovano a molti chilometri di distanza da Roma?

Di Niccolò Di Leo

Dopo essere passata in Abruzzo la volta scorsa, la rubrica Senza Confini si sposta di continente e vola verso gli Stati Uniti d’America, la patria delle Aquile. Nella città di Buffalo (NY) risiede Giovanni Cambareri, tifoso laziale e fondatore del Lazio United, squadra composta da tifosi biancocelesti. Giovanni è intervenuto ai microfoni di Solo La Lazio per raccontare come nasce e vive sua passione oltreoceano.

Come nasce la tua Lazialità?

Sono nato e cresciuto nella parte Nord-Ovest della Città’ di Roma, e la mia lazialità nasce con la passione ed amore per il gioco del calcio. Da giovane quando giocavo a pallone, spesso e volentieri, ho avuto l’opportunità’ di giocare contro le squadre giovanili della Lazio, e tutte le volte che andavamo a giocare a Formello era una grande emozione“.

Chi è stato il tuo primo idolo e in chi lo rivedi nella Lazio di oggi?

Il mio primo idolo è stato Giorgio Chinaglia, grande potenza e grande leader. Nella Lazio di oggi ci sono tanti buoni giocatori come Ciro Immobile, ma idoli come Giorgio non nascono tutti giorni. Nonostante ciò Immobile è quello che, per caratteristiche, si avvicina più di tutti a Long John“.

Il gol che ricordi meglio?

Il goal che ricordo meglio è quello del “Matador” Marcelo Salas, nella finale di UEFA Super Cup contro il Manchester United. Un gol importantissimo che ci ha permesso di battere “Gli Invincibili” e salire sulla cima d’Europa. E’ stata una delle reti più importanti nella storia della Lazio“.

Cosa significa tifare Lazio a distanza?

Tifare Lazio a distanza è per me molto importante, perché mi aiuta a tenere sempre vivo il bellissimo ricordo che ho della nostra Caput Mundi e quello che ha rappresentato la Lazio nella mia infanzia. Non è facile, ma allo stesso tempo è bello perché con la mente mi riporta agli anni passati nella Capitale“.

Qual è la tua definizione di lazialità?

Per me lazialità significa far parte di qualcosa di grande chiamato Lazio, condividere gioia e sofferenza, essere uniti soprattutto nei momenti difficili, quando tutto sembra andare male, ed infine rappresenta la mia passione per il gioco del calcio“.

Qual è stata la tua più grande follia per la Lazio?

La mia più grande follia per la Lazio, è stata quella di aver fondato la Lazio United FC, una società’ calcistica americana che compete nel campionato dilettantistico americano ed indossa i colori biancocelesti. Abbiamo sede nella città di Buffalo ed è composta da tutti tifosi della Lazio“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Altro da Rubriche