Resta in contatto

Approfondimenti

Lazio, a giugno tanti addii: in scadenza anche tre “big”

Calciomercato Lazio, Igli Tare

Tra esuberi e nomi eccellenti, a giugno in 9 diranno addio alla Lazio. Ecco la situazione dei giocatori in scadenza.

Il mercato di gennaio si è chiuso da poco e l’estate è lontana, ma non è mai troppo presto per ragionare sui programmi per il futuro. Soprattutto sapendo che tra cinque mesi saranno in nove a dire addio alla Lazio. A meno che non arrivino i rinnovi. La situazione dei contratti in scadenza in casa biancoceleste dice infatti che il 30 giugno si libereranno a zero sette calciatori e finirà il prestito di altri due.

Alcuni di questi sono anche tra i big della rosa di Inzaghi. Perché oltre al giovane portiere Alia e agli ex Primavera, tutti rientrati recentemente dai rispettivi prestiti, Minala, Bari e Abukar Mohamed, ci sono anche Radu, Parolo e Lulic nella lista di quelli che si svincoleranno. A questi si aggiungono poi Hoedt e Pereira, che torneranno al Southampton e al Manchester United. Il loro eventuale riscatto è molto in bilico e dipenderà essenzialmente dal rendimento che avranno. In questo senso, finora, non sembrano aver convinto a pieno allenatore e società.

Possibile immaginare una Lazio 2021-22 senza tre senatori storici dello spogliatoio? La carta di identità spingerebbe a pensare che sia il momento giusto per ringiovanire l’organico. Il difensore va per i 35. Gli stessi che il 18 gennaio scorso ha compiuto l’eroe del 26 maggio, rientrato da poco, dopo un anno di calvario per problemi alla caviglia. L’ex Cesena invece ne ha già compiuti 36 una decina di giorni fa. Ad oggi non risultano discorsi aperti, manon è da escludere che nelle prossime settimane ci si sieda al tavolo per parlare delle rispettive situazioni con i diretti interessati.

Possibile scenario

Innegabile che la squadra senza il loro carisma possa perdere qualcosa dal punto di vista dell’esperienza. In più, da un punto di vista tattico, senza il riscatto di Hoedt rinunciare anche al centrale rumeno significherebbe aprire un buco colossale sul lato sinistro della difesa. Più agevole potrebbe rivelarsi invece rimpiazzare gli altri due.

Un possibile scenario è quello che prospetta per il jolly della mediana un nuovo ruolo fuori dal rettangolo verde, come membro dello staff tecnico. Magari Inzaghi, dopo averlo impiegato sul campo quasi ovunque, potrà presto provarlo anche in quella nuova posizione. A centrocampo, alle spalle dei titolari Leiva, Luis Alberto e Milinkovic, ci sono già Escalante, Cataldi e Akpa Akpro. Quest’ultimo, per altro, con caratteristiche tecniche da incursore e interditore, molto simili al centrocampista di Gallarate. Il reparto sarebbe, perciò, già coperto e resterebbe solo da trovare sul mercato un altro tornante per la corsia sinistra da far ruotare con Marusic, Lazzari e Fares.

Tutte ipotesi che andranno valutate a tempo debito. Margine per pianificare il prossimo futuro c’è e le mosse saranno ben ponderate in accordo con l’allenatore, come è sempre avvenuto in questi ultimi anni.

23 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
23 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Per quanto riguarda Radu Lulic e Parolo mi dispiace se andassero via però la loro carta d’identità parla chiaro vanno rimpiazzati con giocatori più giovani ma almeno di pari valore sotto il profilo tecnico mentre per gli altri visto che il ds non è stato capace di venderli dopo averli comprati almeno così si liberano posti e ingaggi.

Massimiliano
Massimiliano
3 mesi fa

Sono in aquilotto che vive in esilio a Torino,devo ammettere che un giornale che si chiama “solo Lazio”, dovrebbe essere di parte ,rincuorare i tifosi,farci sognare,invece,appena la squadra si tira su,escono articoli pronti a sostenere dubbi,timori ,tristezza; si sono d’accordo ,non mi pare un giornale per Laziali

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Ecco un’altra notizia tirata ora fuori ad arte!!!!!😉😉

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Che je frega a Tare basta che Dorme.ahahahah

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Con tutto il bene che gli voglio ma direi che è arrivato pure il momento.. hanno fatto parte della storia della lazio ma è ora di cambiare.. 36 anni sono tanti anche per i ruoli che hanno..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Chiudete sti giornale schifoso fatto da giornalisti romanisti!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Lulic e Radu alla fine firmeranno per un anno ancora

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Adriano Cappellini Simone Ponzo almeno se abbassa sto fantomatico indice di liquidità 🤣🤣🤣🤣🤣

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Sarà qualche giornalista romanista che lo fa x rompere il ns dominio

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Chi sono i big

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

via hodt parolo e lulic ci servo gente giovane e forte fisicamente

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Avete rotto con questi articoli

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

è più importante ‘sta notizia che ricordare che se la Lazio oggi batte il Cagliari (il Cagliari, con tutto il rispetto, mica il Real di Di Stefano!) è quarta. E voi sareste Laziali? E allora io so’ Pietro Mennea.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Chi sarebbero i Big?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Sono riommanisti della stampa

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Questi non sono laziali e giornalisti, sono solo dei poveri sciacalli che speculano su noi tifosi della Lazio. Dovrebbero ricevere 0 click, poi vedi come cambia la musica

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Ci penseremo dopo….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Quelli che scadono a giugno sono o quelli scarsi o quelli ormai vecchi…quindi no problem….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Ogni volta che gira bene bisogna parlare di addi a giugno e de Milinkovic che se ne va ?
Ma ancora non lo avete capito il giochetto? Ancora date spazio a ste cose che sono anni che servono solo a minare la serenità dell’ambiente!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

ma sì, cominciamo da subito a preoccuparci. Non sia mai che possiamo goderci un momento sereno. Mamma mia che vergogna tirare fuori questi pensieri. Cosa fatta anche da Orsi oggi pomeriggio su emittente-emittente. Ma basta, mettetevi a seguire altre squadre.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Entrare in champions, è fondamentale per il prossimo mercato!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Come si fa a parlare di reparto di centrocampo coperto con le “perdite” di parolo e pereira ? Ovvio che dovranno comprare un giocatore

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

In un momento positivo come questo per la squadra si fanno articoli come questi, senza vergogna siete il male della Lazio

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Avevo 12 anni ero uno che quando segnava chinaglia urlavo e piangevo di gioa ,avevamo vinto due anni prima lo scudetto e appena quattro anni prima ero..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory, Immobile aggancia Piola. Anzi no…! Ecco quanto manca

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Advertisement

Altro da Approfondimenti