Resta in contatto

Approfondimenti

Il complesso d’inferiorità verso l’Atalanta? Gasp, ne parliamo tra 15 trofei

Finale Coppa Italia, Gasperini e Gomez

Gasperini parla di rivalità? Ma per determinate comparazioni, riparliamone fra 15 titoli (di cui due internazionali) e soprattutto uno vinto contro di noi

Di Daniele Ercolani

Quando con una semifinale si cancella la storia
Quanto detto ieri da Gasperini prima e Farris poi è noto a tutti. Al Mister atalantino lasciamo l’alibi del commento a caldo, anche se forse non se la meriterebbe dato che nel suo dizionario la parola “Bastos” viene ormai usata come punteggiatura.

In ogni caso, il nodo non è tanto la “rosicata” quanto i concetti espressi che lasciano pensare. Che la famosa mano di Bastos sia rimasta indigesta anche più della Coppa stessa è conclamato e comprensibile. Comprensibile perché il rigore c’era, avrebbe – forse – cambiato la partita e anche se inizia a suonare come un “Turone due, la vendetta” , Gasperini ha le sue ragioni. Ma sul passaggio “quasi sempre arrivano dietro di noi”, potrebbe essere scritto un libro.

Il tecnico con zero titoli nel palmares millanta che la società bergamasca con un solo trofeo (Coppa Italia) in bacheca goda di una certa invidia da parte del club capitolino.

Allora, posto che le rivalità possono nascere per vari motivi, anche tra squadre di categorie diverse, Gasperini ha sparato veramente fuori dall’obiettivo. Sembra un po’ come quando i nostri cugini si dichiarano rivali della Juve o come quando alle elementari dici di essere fidanzato con un’altra bambina, ma lei non lo sa. La Lazio non è nemmeno paragonabile alla Juve ma in questo gioco delle parti ne riveste lo stesso ruolo. Quindi, secondo il tecnico nerazzurro, la Lazio soffrirebbe un complesso di inferiorità nei confronti dell’Atalanta, cioè di un team famoso per rifornire le grandi dei migliori talenti della nazione.
La bergamasca ha vinto un solo trofeo circa 60 anni fa e vanta anche più di due decadi in serie B e una preziosa partecipazione al campionato di serie C oltre ad aver timbrato il cartellino in serie cadetta nel decennio scorso. Stesso decennio dove la Lazio ha collezionato la rimonta – in termini di trofei – alle rivali (vere) ed ha inanellato piccole-grandi vittorie tra coppe Italia e Supercoppa.

Ma allora perché Gasperini ha pensato di (s)parlare così? Beh, in questa città già ci siamo passati.
Ricordate quando dopo il 26 maggio, dopo Murgia e la Supercoppa, la Roma arrivò in semifinale di Champions? Ricordate cosa accadde dopo il passaggio del turno contro il Barcellona?
Fu indubbiamente qualcosa di epico, ma i festeggiamenti furono ben superiori ad una vittoria di un trofeo. Nel calcio moderno, purtroppo (per loro), si ha la sensazione che partecipare a determinate competizioni abbia un valore superiore di vincerne altre. Infatti poi ti ritrovi con una bella figura, il giro d’onore e la bacheca vuota. A differenza della “Lazietta” (esiste ancora chi ci appella così) che tra un gol al novantesimo, una rete di faccia di Matuzalem e perché no un pizzico di fortuna (ben ripagata in varie occasioni) ti alza una coppa mentre tu deponi le armi.
Ma perché andarsi ad impelagare in labirinti senza uscita, quando l’Atalanta nella realtà dei fatti è una, se non la migliore squadra della Serie A? La risposta sta nella gestione di vittorie e sconfitte.

Troppo fumo quando si vince, troppe parole quando si perde.

È impensabile pavoneggiarsi a tal modo quando in oltre 110 anni di storia non si è mai vinto nulla.

È come se – non sappiamo bene come – la Lazio tra poco eliminasse il Bayern Monaco e dal giorno successivo si permetta di dire: “Ci odiano perché spesso li eliminiamo dalla Champions”.
Faremmo ridere. Ecco, allora per cortesia non fateci ridere.
Non paragoniamo l’imparagonabile.
Come non vediamo realistico il complesso di doversi mettersi al pari delle big dei nostri concittadini, non possiamo nemmeno accettare di essere etichettati come inferiori da una delle più nobili provinciali.
Le parole di Gasp non solo accendono la simpatia delle prese in giro ma mettono in cattiva luce una società che meriterebbe rispetto e considerazione per quanto fatto e quanto ancora proposto quotidianamente in campo nella sua incredibile escalation.

Però per determinate comparazioni, riparliamone fra 15 titoli (di cui due internazionali) e soprattutto uno vinto contro di noi.

E poi, ultima precisazione: la Coppa del 2019 non è sub iudice, è tutta della Lazio.

57 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
57 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
25 giorni fa

Curate Gaspero e’esaurito!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
25 giorni fa

È in individuo che non sa perdere,ma dovrà vedere

Commento da Facebook
Commento da Facebook
25 giorni fa

Rosicone

Commento da Facebook
Commento da Facebook
25 giorni fa

Credo nasca da questioni “regionali” ma dalla mano di Bastos è diventata anche calciatica. La pazzia è che dopo 3 anni buoni si sentano la juve

Commento da Facebook
Commento da Facebook
25 giorni fa

Che uomo è

Commento da Facebook
Commento da Facebook
25 giorni fa

A Gasparo dormi tranquillo daje Lazio se sentimo 😂

Commento da Facebook
Commento da Facebook
25 giorni fa

Ha vinto più Ballardini 😂😂😂

Commento da Facebook
Commento da Facebook
25 giorni fa

Gasperino er carbonaro ooook

Commento da Facebook
Commento da Facebook
25 giorni fa

Rosicone

Commento da Facebook
Commento da Facebook
25 giorni fa

Rosica così tanto che si rende ridicolo la classe non è acqua

Commento da Facebook
Commento da Facebook
25 giorni fa

Finalmente è stata fatta la coppia Gasperini e Rizzitelli due come aspetta cosa sono due che stanno sotto il pene ?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
25 giorni fa

Vinse un torneo di Viareggio con le giovanili juve ..il suo unico trofeo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
25 giorni fa

Con l Atalanta e stato sempre cosi ricordo le trasferte a Bergamo tanti tanti anni fa

Commento da Facebook
Commento da Facebook
25 giorni fa

Si vede che la coppa in faccia fa’ ancora male…. Vero Gasperi’ ?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
25 giorni fa

Mi comincia a fare pena!!e poi tutti a seguire il modello atalanta adesso seguite sta’ ceppa!!😁😁😁😁😁😁😁

Commento da Facebook
Commento da Facebook
25 giorni fa

A Gasperini meno male che esisti.. ci stai a fa piega dalle risate..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
25 giorni fa

È soltanto un povero mentecatto che vuole unirsi alla folta schiera di detrattori che siamo costretti a sorbirci in tutte le trasmissioni sportive.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
25 giorni fa

Io lo perdono. C’è chi ha vinto 3 scudetti e sente la rivalità con chi ne ha vinti 36. A questi che dovremmo dirgli?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
25 giorni fa

Per me la mano de BAST-OS è più bella della mano de DI-OS!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
25 giorni fa

A vinto anche la COPPA DEL NONNO

Commento da Facebook
Commento da Facebook
24 giorni fa

Romanista mancato….🤦🏻‍♂️

Commento da Facebook
Commento da Facebook
24 giorni fa

Complesso ???
Ma avete capito bene di chi parliamo ??
Di una squadra di una città che ha gli stessi abitanti di un condominio popolare di Roma.
Siamo seri x cortesia.
Er nanetto si è affacciato ad un grosso club ed è durato 3 mesi.
Ari siamo seri.
Un provincialotto di paese che parla di Lazio la prima società della capitale d’Italia, la società sportiva più grossa d’Europa, il centro sportivo più bello d’Italia e tra i più belli in Europa.
Ari ari siamo seri
🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣

Commento da Facebook
Commento da Facebook
24 giorni fa

chi vince gode chi perde rosica

Commento da Facebook
Commento da Facebook
24 giorni fa

Io credo gli vada ricordato il principio : chi vince festeggia, chi perde giustifica

Commento da Facebook
Commento da Facebook
24 giorni fa

Ma non diamo spazio a questo ‘mbriacone delle valli pieno di livore e frustrazione!!! Ma quale rivalità???? Non ha mai vinto nulla, e spero che quanto prima vengano fuori gli altarini sulla stupefacente condizione atletica dell’Atalanta!!!! Vero Gomez??????

Commento da Facebook
Commento da Facebook
24 giorni fa

Poveretto—

Commento da Facebook
Commento da Facebook
24 giorni fa

Ma che pretende

Commento da Facebook
Commento da Facebook
24 giorni fa

Per me la colpa è nostra gli diamo troppa importanza

Commento da Facebook
Commento da Facebook
24 giorni fa

Speriamo che non tira fuori la mano di bastos!!! Anche contro il Napoli perché il rosicone non smette di stupire

Commento da Facebook
Commento da Facebook
24 giorni fa

Te saluto Gasperi. Adda sta muto.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
24 giorni fa

Povero Gasperini, aver battuto la Lazio in Coppa Italia lo ha fatto sentire un gigante, poi quattro giorni dopo è apparso un bambino piagnucoloso. Perché piangere? Non ha conquistato mai nulla, nje Coppa Italia, ne Campionato ne all’estero. Aveva detto “Abbiamo vinto in dieci e un rigore sbagliato” Poverino di nuovo perché non sa fare le somme infatti 3:2 .1:3 fa 4 per l’Atalanta e 5 per la Lazio. Gasperì vedi de sta zitto che la Lazio e noi laziali nun ciavemo tempo de statte a sentì

Commento da Facebook
Commento da Facebook
24 giorni fa

Ma ancora ne parliamo? L’Atalanta è alcune volte una squadra meravigliosa, ma il suo allenatore riesce a offuscare tanta beltà perché la antipatia che lui ispira si estende al team. Ma neanche dobbiamo perderci troppo tempo a parlarne, dandogli implicitamente una importanza che non ha.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
24 giorni fa

Un poraccio anche se bravo ma se vuol essere grande deve imparare ad essere sportivo e più umile

Commento da Facebook
Commento da Facebook
24 giorni fa

Io non credo che sia la rosicata

Commento da Facebook
Commento da Facebook
24 giorni fa

Ma che lo state ancora a sentì?????è solo un rosicone …non dimentica forse che l’Inter lo ha cacciato via.se era qualcuno ancora stava lì

Commento da Facebook
Commento da Facebook
24 giorni fa

A somaro ti dovrai ricordare sempre e per il resto della tua vita che noi popolo laziale sarà’ sempre il tuo incubo.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
24 giorni fa

Ammucchia Gasperì…..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
24 giorni fa

Nn state bene state parlando di Roma 5milioni di abitanti e Bergamo 100mila in proporzione hanno vinto più loro serieB compresa

Commento da Facebook
Commento da Facebook
24 giorni fa

A Gasperino : sai Fare Solo Parole . Noi In Bacheca Fatti . Tu Solo CIANCE 🦅🦅🦅🦅🦅

Commento da Facebook
Commento da Facebook
24 giorni fa

Ipocrita rosicone non hai mai vinto nulla l’unica volta che hai allenato una top ti hanno mandato via subito…..bella faccia da chirichetto

Commento da Facebook
Commento da Facebook
24 giorni fa

Ma fanno parla pure gasperini ? Un pagliaccio autentico fallito in ogni società in cui ha zmaklebato tranne la piccola Atalanta… Ridicolo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
24 giorni fa

a gasperí nun te la pjà così …

Massimiliano Muratori
Massimiliano Muratori
24 giorni fa

Complimenti a chi ha scritto questo articolo. Sagace acuto condito da un sano e buon sarcasmo. Da laziale concordo in tutto e mi sono sentito rappresentato.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
24 giorni fa

Gasperini er fiasco è vuoto………

Commento da Facebook
Commento da Facebook
23 giorni fa

Una volta finita la botta di esaltazione del momento Atalanta, tornerà alla mediocrità: quella che gli compete a sto complessato fallito.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
23 giorni fa

Per gli anni in serie b io mi sarei stato zitto. Ne avete 11 e uno spareggio umiliante per la serie c

Commento da Facebook
Commento da Facebook
23 giorni fa

Gasperini, quando ti passa.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
23 giorni fa

…..adesso mi sembra che si stia ingigantendo una rivalità quasi costruita a tavolino….l’Atalanta è un’ottima squadra che spesso ci ha fatto soffrire ma oggettivamente ha la sua bacheca quasi intonsa a differenza della Lazio che qualcosa ha vinto ( scudetto, Supercoppa, Coppe Italia e via discorrendo ..)…mi domando: è così difficile per Gasperini prenderne atto?……fatti e non parole e al momento, ripeto, la sua squadra ha la bacheca vuota, poi si vedrà !!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
22 giorni fa

Potrebbe allenare la Roma lo stile e’ quello

Commento da Facebook
Commento da Facebook
21 giorni fa

Il vero tocco di classe è la foto di accompagnamento dell’articolo 😄😄

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."

Altro da Approfondimenti