Resta in contatto

Il meglio dei Social

A mente calda, quanti like può fare la foto di una traversa?

Con gli stadi chiusi, si sfogano a mente calda su Twitter le gioie e i dolori calcistici dei match della Lazio. E noi ve li raccontiamo.

Laziali arrivati vivi al fischio finale di Lazio – Bruges ne sono rimasti? Stando alle reazioni a mente calda su Twitter sembra di sì (per fortuna). Ma in molti ancora non hanno realizzato che quel pallone ha davvero sbattuto sulla traversa schizzando lontano.

Prestazione da incorniciare per 70 minuti, Reina a parte. Poi il panico. Alla fine i peggiori incubi si infrangono su quel montante alto e nel turbinio dell’assurdo finale di partita ecco sbucare il quesito social-filosofico su cui poter dibattere.

Gran bella domanda. Probabilmente più dei gattini su Facebook. Eppure c’è chi non è riuscito a prenderla con la stessa filosofia. Anzi, si è visto scorrere letteralmente tutta la vita davanti.

Roba da fare la fine di Fantozzi dopo aver chiesto “scusi…chi ha fatto palo?”.

Somiglianze

Al di là dell’improvviso imbiancamento dei capelli, nel delirio per l’approdo agli ottavi Max a mente calda ha avuto la lucidità di trovare una strana somiglianza. La faccia dello sfortunato calciatore del Bruges ricorda tanto quella di un altro che vide infranti sulla traversa i propri sogni di gloria…

Sono contrariato” come mood dell’intera (loro) esistenza.

Nel dubbio mi preparo

Nel frattempo però Inzaghi aveva deciso, per rispetto al maestro Eriksson, che non era il caso di eguagliare lo storico traguardo raggiunto venti anni fa. E ha provato a tutti i costi a perderla con i cambi. Salvo poi arrabbiarsi a morte con chi aveva mandato in campo senza aver capito come e perché. Visto l’andazzo, a casa c’è chi si era pure preparato, nel caso fosse servito.

Il pronostico

Passata la paura, rimane spazio solo per la gioia. E qualcuno a mente calda già si proietta a lunedì, il giorno dei sorteggi per il tabellone finale.

Ci sarebbe anche l’opzione Lipsia. Ma prima bisognerà vedere come finirà il gran macello di ieri sera a Parigi. In ogni caso, visto che le altre sono del calibro di Bayern, City, Liverpool e Chelsea, se si qualificassero i tedeschi nel girone dell’Inter e poi li pescassimo noi, sarebbe una discreta botta di traversa al 93°. Un’altra.

 

 

Qui la puntata precedente:

A mente calda, dopo Spezia – Lazio ci sono solo anagrammi. Ma qualcuno ha fatto peggio…

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Gli vorrò per sempre bene, il il mio idolo calcistico, il grande, l'insuperabile Beppe Gool, e segna sempre lui e segna sempre lui, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Il meglio dei Social