Solo La Lazio
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

David Silva dice addio al City: “Sarò sempre un tifoso, grazie a tutti”

David-silva-gundogan

David Silva saluta i tifosi del Manchester City con una lunga intervista ai canali social del club: eccone i passaggi principali

L’arrivo a Manchester: 

“Mi sono sentito da subito a casa, mi hanno trattato sempre tutti bene, sia a me che alla mia famiglia. Sarò sempre riconoscente al Manchester. Sarò per tutta la vita tifoso del City, e la stessa cosa vale per la mia famiglia. Quando sono arrivato, non pensavo di rimanere così a lungo. È complicato restare per dieci anni nella stessa squadra. Mi sono sentito a mio agio da subito, l’ho detto sempre a tutti. Ecco perché sono rimasto per così tanto tempo. Abbiamo trasformato il Manchester City in un club vincente. Questa è stata una grande cosa per i nostri fanno che da anni non vedevano la loro squadra alzare trofei. Ed è normale che dopo quanto fatto in questi 10 anni le aspettative siano sempre più alte, ma questa è una squadra che può continuare a crescere anche in futuro.”

Sul feeling con Aguero:

Giocavamo molto vicini e il Kun è uno che ha bisogno di fare gol. Io ero lì per aiutarlo, per creargli azioni pericolose. Sono felice, credo di averlo aiutato davvero. I dati lo confermano, gli ho dato tanti assist, con lui era molto semplice. Sa trovare gli spazi giusti, ed è cinico sotto porta. È uno degli attaccanti migliori al mondo? Sì, sicuramente. Da anni è ad alti livelli, facendo sempre tanti gol”.

Mancini?

“Ebbe tanta fiducia in me. Quando stavo nel Valencia, mi chiamava spesso per convincermi a venire nel City. Credeva in me, mi aiutò a prendere la migliore decisione della mia carriera, e da quel momento sono passati dieci anni. Tutto grazie a lui”.

Su Guardiola:

 “Fu una grande notizia il suo arrivo. Già sapevo che a lui piacesse lavorare molto e che amasse il possesso palla. E pensavo che per le mie caratteristiche il suo arrivo fosse perfetto per esaltarmi. Alla fine ha dimostrato che questo metodo ha pagato molto bene, abbiamo vinto tanti titoli e abbiamo imparato a dominare le partite contro le grandi squadre.”

Il ruolo in campo:

“Mi piace giocare in mezzo al campo, stare sempre a contatto con il pallone. Questo sistema mi ha permesso di muovermi liberamente per tutto il centrocampo, cercando di muovermi tra le linee, creando spazi per ricevere il pallone o per provare a creare delle opportunità tramite dei palloni filtranti per gli attaccanti.”

I problemi del figlio:

“Ho apprezzato molto quello che il club ha fatto per me. E devo anche ringraziare la squadra e tutti quelli che mi hanno aiutato tanto in quel periodo difficile. Per me è stato un anno davvero speciale perché dopo tutto questo, Mateo è uscito più forte e in buona salute. E inoltre alla fine abbiamo anche vinto il campionato, per me è stata una stagione speciale. Fu molto difficile per me: ricordo il giorno in cui andai a trovarlo in ospedale, avevo tanti pensieri per la testa e mi sono sorpreso di come sia riuscito a controllare la situazione, giocando un calcio di quel livello. Poi la prima volta che venne a vedermi allo stadio sono riuscito a segnare un bel calcio di punizione. È stata una giornata speciale.”

La vita dopo il calcio?

“Ancora non lo so. Quando smetterò di giocare ci penserò. Potrei continuare a essere coinvolto con il calcio o forse con qualcosa di diverso. La cosa che voglio sicuramente è godermi la mia famiglia e i miei amici, perché il calcio è bello ma ti assorbe veramente tanto tempo. È da quando ero giovane che ho passato tanto tempo lontana da casa… Non rimpiango nulla di quello che ho fatto, ma ho perso tanto tempo che avrei potuto passare con la mia famiglia e cercherò di restituirgliene un po’, godendomi il resto della vita con le persone che amo.”

Un messaggio ai tifosi:

“Sarò sempre grato ai tifosi del City, mi hanno trattato alla grande sin dal mio arrivo a Manchester. Li ringrazio perché mi hanno fatto sentire come se fosse in famiglia, come se fossi a casa mia. Sarò un tifoso del City per tutta la mia vita e così anche la mia famiglia.”

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Martedì 23 aprile alle 21 scenderanno Lazio e Juventus: i biancocelesti ospitano i bianconeri per...

L'esterno biancoceleste, Mattia Zaccagni, ha espresso sui social la sua felicità per aver rinnovato il...
Lazio, il video pubblicato dalla società capitolina che preannuncia la grande celebrazione del primo scudetto...

Dal Network

Closing in vista con Orienta Capital Partners che acquisterà una quota superiore al 60% del...

  Gli USA pronti a ospitare le 32 squadre da tutto il mondo Nell’estate del...

È un Gian Piero Gasperini molto soddisfatto quello che analizza il successo scoppiettante della sua...

Altre notizie

Solo La Lazio