Resta in contatto

#CardoMercato

Calciomercato, le strategie del club biancoceleste

Tare duro contro Spadafora: "Non sta aiutando il calcio italiano"

di Giulio Cardone, Enrico De Lellis

I movimenti per la prossima finestra di mercato: resta viva la pista  Kumbulla, Luis Suarez primo obiettivo in attacco.

Un calcio “d’estate” che ha spostato a settembre il calciomercato, altra passione di migliaia di tifosi. Nonostante la data ufficiale sia il 1 settembre i club, tra cui la Lazio, stanno già impostando la loro sessione di mercato. In casa biancoceleste non ci saranno rivoluzioni, né cessioni programmate: l’obiettivo della società è quello di accrescere il patrimonio della rosa con giocatori funzionali al progetto Champions League.

DIFESA

Il direttore sportivo biancoceleste è alla ricerca di un difensore che possa completare un reparto già ben collaudato con la presenza di Acerbi e Luiz Felipe, l’esperienza di Radu e la sorpresa Patric. Bastos è in uscita e difficilmente il futuro dell’angolano sarà ancora a Roma: proprio per questo Tare sta cercando un difensore versatile, capace di ricoprire tutti i ruoli di una difesa a tre. Il sogno è rappresentato da Marash Kumbulla del Verona. Su di lui la Lazio si è mossa bene e sottotraccia da tempo, nonostante la concorrenza agguerrita di Napoli, Inter, del Lipsia e del Borussia Dortmund, ma l’accelerata della Juventus per il ragazzo ha cambiato le carte in tavola. Infatti, un blitz di Paratici ha avvicinato il classe 2000 alla corte di Sarri, suo grande ammiratore. Un’operazione già ben avviata che, salvo clamorosi rilanci da parte dell’Inter, porterà il calciatore di nazionalità albanese a vestire la maglia bianconera. Smentito dallo stesso Tare nel corso di un’intervista a Sky Sport è l’interesse per  Adryelson, accostato in Brasile e dal suo procuratore ai colori biancocelesti.

CENTROCAMPO

Il reparto di centrocampo è il punto di forza della squadra biancoceleste: Milinkovic, Luis Alberto e Lucas Leiva sono giocatori imprescindibili che nella parte centrale del reparto in questione hanno dimostrato di fare la differenza. La Lazio cercherà di respingere in tutti i modi l’assalto dei grandi club ai suoi gioielli, soprattutto nel caso del “Sergente” ammirato e seguito da tempo da molti top club a livello mondiale. La strategia della società è chiara e non ammette prezzi al ribasso o sconti per un giocatore di prima fascia capace di vincere le partite da solo. La base d’asta è di 100 milioni di euro. PSG e Real Madrid avvisate. Discorso diverso per lo spagnolo, da sempre sogno proibito di Sarri già ai tempi di Napoli e Chelsea. Il legame forte con Simone Inzaghi e con la società e il rinnovo ormai prossimo fino al 2025, solo da ufficializzare, può far dormire sonni tranquilli ai tifosi biancocelesti. Capitolo entrata: dopo l’arrivo di Escalante (vice Parolo) la dirigenza è al lavoro per portare un calciatore importante nella Capitale. Tanti i nomi finiti sulla lista di Tare: dal sogno de Paul (calciatore che piace e non poco al tecnico biancoceleste) al versatile Dendoncker del Wolverhampton. Negli ultimi giorni alla Lazio è stato accostato anche il nome di Ryan Gravenberch dell’Ajax, classe 2002, gestito da Mino Raiola. L’olandese per caratteristiche fisiche, 1.90 cm, e tecniche potrebbe essere un colpo alla Milinkovic.

ATTACCO

Immobile, Correa e Caicedo sono intoccabili, nonostante il pressing del Napoli per il primo. Giroud non arriverà, il francese ha rinnovato con il Chelsea, Keita se dipendesse da lui tornerebbe a Roma anche a piedi, mentre il nome del colombiano Luis Suarez è in cima alla lista di Tare. Il gioiellino del Watford, in questa stagione, ha deliziato i tifosi del Real Saragozza a suon di gol e di prestazioni di alto livello. La concorrenza è tanta e la società di Pozzo valuta il cartellino dell’attaccante almeno 15 milioni di euro.

 

 

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

De Paul, Biraghi, Boga.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Y

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
Advertisement

Altro da #CardoMercato