Resta in contatto

News

Caicedo su Inzaghi: “È il migliore in Italia. Godo a giocare nella Lazio”

Caicedo e la sua nazionale: "Abbiamo bisogno di lui"

Caicedo, attaccante della Lazio, è tornato a parlare dopo tanto tempo: “Grazie a Dio sto bene, anche in famiglia. Abbiamo voglia di tornare”

Felipe Caicedo, in diretta su Lazio Style Radio, si è espresso sui temi d’attualità come nei giorni scorsi hanno fatto anche gli altri suoi compagni (qui l’intervista di ieri di Immobile). Di seguito le dichiarazioni integrali dell’attaccante biancoceleste:

Come stai?
“Grazie a Dio tutto bene, stiamo aspettando il via libera per tornare ad allenarci. A casa sto lavorando bene, ho anche un piccolo parco vicino a casa, ma non è la stessa cosa di correre in campo”.

Il governo però non ha ancora autorizzato la riapertura dei centri sportivi:
“Noi calciatori siamo un motore per la società e la gente, sarebbe importantissimo che il governo ci possa dare un mano rivedendo il decreto. Se c’è un centro sportivo messo in sicurezza, perché i calciatori non possono andarci? Non si capisce, soprattutto perché ti lasciano andare al parco con la gente. In attesa di un accordo, noi dobbiamo farci trovare pronti”.

L’entusiasmo nella squadra non è cambiato?
“Sì parliamo tanto con i compagni, abbiamo tanta voglia di riprendere. Stavamo facendo un percorso importante, siamo consapevoli di cosa stia accadendo adesso ma abbiamo ancora la fame giusta per vincere le partite. Il gruppo è pronto”.

Sei molto apprezzato, secondo te perché?
“Non lo so, sono un uomo di gruppo, umile. Cerco sempre di fare il bene della squadra, forse è per questo. Ringrazio tutti: compagni, staff e anche i tifosi, mi hanno sempre mostrato amore. Mi scrivono sui social, la Lazio manca a tutti”.

Stai andando bene quest’anno…
“Mi sto trovando benissimo: rendo bene sia giocando dall’inizio che subentrando. Dipende molto dalla concentrazione, la voglio tenere sempre alta per ottenere il massimo. Fa la differenza sapere cosa la squadra ha bisogno. Devo continuare così, allenandomi bene e sfruttando i minuti che il mister mi concede. Mi alleno per questo, è fondamentale farsi trovare pronti sempre. Se io vado bene è anche merito di un gruppo forte, in cui tutti ci conosciamo tanto. Anche Correa e Immobile stanno andando forte, dobbiamo continuare così. Abbiamo una qualità incredibile, lo stesso Ciro. Ma se siamo così in alto in classifica, oltre alle doti tecniche, è perché abbiamo capito che dobbiamo rimanere uniti e insieme”.

Su Inzaghi:
“Ho un rapporto bellissimo col mister, ogni tanto ci sentiamo. È il più forte allenatore in Italia adesso e lo sarà ancora per tanto tempo. È stato lui il primo a darmi tutta la fiducia necessaria, devo ringraziare lui e tutto lo staff. Ancora dobbiamo continuare insieme e vincere”.

I gol nel finale?
“Il giorno di Cagliari è stato uno dei più importanti della mia carriera. Quel gol rimarrà per sempre nel mio cuore, è stata una vittoria fondamentale per la squadra. Ogni tanto rivedo quell’azione e mi vengono tante emozioni, è una cosa unica. Mi aspetto altre partite così”.

Come attaccanti ti diverti nella Lazio…
“Non sai quanto godo nel giocarci: sono 4 anni che siamo insieme, in campo ci troviamo a memoria. Abbiamo anche tante varianti e il merito è anche dello staff, che lavora ogni giorno per sfruttare le nostre qualità. Davanti ci completiamo: Immobile è devastante nello spazio, Correa è feroce nell’uno contro uno. Poi Milinkovic e Luis Alberto sono i più creativi, mentre in difesa stiamo facendo cose incredibili. Subiamo molti meno gol del passato. La nostra annata è impressionante”.

L’aiuto in difesa di noi attaccanti?
“Ci sono i dati che parlano, siamo quelli  che in A aiutano di più la difesa. Il nostro supporto senza palla rappresenta un salto di qualità rispetto all’anno scorso”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."

Altro da News