Resta in contatto

News

L’ex Keita sulla Lazio: “Io e Lotito come padre e figlio”

L'ex Keita sulla Lazio: "Io e Lotito come padre e figlio"

In una lunga intervista rilasciata a calciomercato.com Keita Balde si racconta e torna a parlare anche della Lazio e di Lotito

Keita si racconta al portale calciomercato.com e non mancano le belle parole nei confronti della Lazio e soprattutto di patron Lotito.

“Appena arrivato alla Lazio ero al settimo cielo perché il mio nome usciva sui giornali e in tv. All’inizio è stata dura: mi allenavo già con la prima squadra ma non potevo scendere in campo. Organizzavano amichevoli per me e Tounkara che non potevamo essere tesserati. C’è stato qualche problema con il passaporto e ho anche avuto paura davvero che saltasse tutto.

Poi l’esordio in Serie A contro il Chievo è stata una grande emozione: quando ho visto che eravamo sul 3-0 ho pensato che se non fossi entrato quel giorno non avrei più debuttato.

Lotito mi ha preso a 16 anni e per me è come un padre. Una persone particolare sicuramente non semplice. Con la Lazio sta facendo un gran lavoro, ci rispettiamo e ci apprezziamo. Abbiamo discusso come padre e figlio, ma tra noi non ci sono problemi”.

“L’Italia è e rimane nel mio cuore, oggi lo considero il mio primo Paese, è quello che mi ha dato l’opportunità di diventare quello che sono oggi. In futuro mi piacerebbe tornare”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "da juventino ho adorato Beppe Signori......è uno dei pochi calciatori di cui ho la maglia autografata......oggi Signori non avrebbe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da News