Resta in contatto

News

Serie A, i risultati della domenica pomeriggio: la Juve vince, ma il gioco latita

Annunciati i gironi della prima fase di eSerie A: c'è la Lazio

Nei 3 match domenicali delle 15 della 24ª giornata di Serie A vincono Parma e Fiorentina in trasferta e la Juventus, con un po’ di fatica, in casa.

Si sono conclusi i match del pomeriggio domenicale di questa 24ª giornata di Serie A. Vittorie per Parma, Fiorentina e Juventus, con quest’ultima che ha faticato più del previsto in casa contro il Brescia.

Il 2-0 finale dello Stadium non descrive a pieno quanto visto sul campo. In un primo tempo decisamente poco spettacolare la Vecchia Signora, oggi priva di Cristiano Ronaldo, trova il vantaggio poco solo prima dell’intervallo. E Nonostante la superiorità numerica dal 37′ (due ingenuità di Florian Ayè e doppio giallo nel giro di 3 minuti), l’1-0 arriva da calcio piazzato, con una perla su punizione di Paulo Dybala.

Ci si aspetterebbe una seconda frazione in discesa per i bianconeri e invece la resistenza del Brescia è tenace. Complice anche una manovra lenta e farraginosa dei padroni di casa, che giocano su ritmi blandi. Il raddoppio arriva ancora sul finire di tempo grazie a Cuadrado, graziato poco prima dall’arbitro, per altro: un intervento duro in scivolata poteva costargli il rosso.

Tre punti comunque molto importanti per gli uomini di Sarri in chiave scudetto, attendendo stasera lo scontro diretto tra Lazio e Inter.

Negli altri due incontri, la viola e i ducali espugnano rispettivamente il Ferraris di Genova e il Mapei Stadium di Reggio Emilia. La Sampdoria soccombe addirittura 1-5 sotto i colpi di Vlahovic e Chiesa (doppietta per entrambi). Le marcature però erano state aperte da un autorete di Thorsby dopo nemmeno 10 minuti. Di Gabbiadini al 90′ la rete della bandiera.

Il Sassuolo cede di misura, 0-1, nel derby emiliano contro i parmensi. La sfida la decide un redivivo Gervinho. Tornato in rosa da pochi giorni dopo la diatriba con la società durata due settimane a seguito del trasferimento in Qatar non perfezionatosi, l’ivoriano ci ha messo meno di mezz’ora per tornare protagonista con la maglia crociata.

Prima del big match dell’Olimpico alle 20:45, alle 18 il Napoli sarà in scena a Cagliari. Ultima possibilità, forse, per gli azzurri di riagganciare il treno Europa League. Per gli isolani invece l’opportunità di portarsi a +5 proprio sui partenopei e proseguire loro la corsa alla ex Coppa Uefa.

 

Leggi anche:

Lazio Women, la sconfitta casalinga col Napoli costa il secondo posto

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Un mito che purtroppo ho vissuto troppo poco,avevo appena 9 anni,allo stadio non mi portava nessuno,anche se le partite si vedevano poco bene e i..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "grazie a Signori sono tifosa della Lazio... non vederlo mai alzare una coppa e festeggiare lo scudetto mi ha sempre lasciato un rammarico.... ..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da News