Resta in contatto

Esclusive

Massimo Ghini a SLL: “Tanti ricordi con Di Bartolomei e Giordano. Lotito? i risultati gli danno ragione”

In esclusiva ai microfoni di SololaLazio.it è intervenuto l’attore Massimo Ghini, noto tifoso romanista, per parlare con noi del derby della Capitale in programma per domani pomeriggio alle ore 18.

Massimo Ghini ha parlato ai microfoni di SololaLazio.it del derby della Capitale.

Il derby della Capitale è sempre un evento importante per tifosi e città. Si può dire che la Lazio è la favorita?

Sono in lutto dopo la partita persa a Torino (ride, ndr). Entrambe le tifoserie sanno che la squadra che arriva peggio alla stracittadina, molte volte è quella vince la sfida. Attualmente la Lazio sta facendo molto bene e la carta regala a lei i favori del pronostico. Per la Roma quest’anno è ancor più difficile visto la situazione infortuni. I biancocelesti girano alla perfezione con una rosa molto ristretta, mentre noi da qualche anno brancoliamo nel buio di un progetto tecnico che non c’è. Da tifoso romanista non sono ipocrita e spero che la Roma vinca”.

Cosa teme della Lazio?

L’altro ieri mi hanno chiesto se dovessi prendere qualcuno chi prenderesti? Ho risposto subito Immobile, anche se è scontato come nome. Però alla Roma manca proprio un attaccante con quelle caratteristiche, un centravanti con l’istinto del goleador. La Lazio giocando si diverte, questa è la chiave di tutto. Parliamo di un gioco che però solo avendo un certo stato emotivo si può far bene. Sono un gruppo unito e si vede”.

Le piace questo calcio moderno?

” Il calcio è diventato un gioco difficile per colpa nostra. Ormai siamo tutti filosofi. Molto spesso sentendo le radio dico: “Il tifoso di cosa sta parlando?”. Su questo lato sono un tifoso di vecchia data, fedele al famoso “5-5-5” (ride, ndr). Adesso davvero il calcio sembra un ragionamento tra imprenditori, amministratori, contabili. Il terzino lo chiamo ancora così, come dico centravanti e non “Falso Nuove”. Noi italiani siamo stati i maestri di questo sport e forse lo siamo ancora. Ricordiamoci che abbiamo vinto una Coppa del Mondo con il motto: palla lunga e pedalare”.

Inzaghi e Fonseca nei loro modi garbati e signorili non hanno mai fatto polemica tra di loro, anzi, molto spesso hanno avuto attestati di stima. Tutto questo quanto aiuta anche l’ambiente ad approcciare in modo più sereno al derby?

Aiuta tantissimo. Lo scontro armato non porta mai a niente. Non si può avere una concentrazione totale solo sul derby. Mi ricordo bene quando entrambe erano chiamate “Lazietta” e “Rometta”, in quegli anni contava solo la vittoria nella stracittadina. Adesso mi auguro che i biancocelesti e i giallorossi possano competere per traguardi più importanti, non solo a livello nazionale, ma anche europeo”. 

Ha qualche aneddoto legato al mondo Lazio?

Ricordo con molto piacevole, nel periodo della gioventù, i capodanni passati con Agostino Di Bartolomei e Bruno Giordano. Facevamo capodanno insieme. Loro arrivavano dopo gli allenamenti insieme alle fidanzatine, la location era sempre il mare e passavamo la sera sentendo musica dal giradischi. Mi accorgo che parlo dell’ottocento (ride, ndr). Bruno e Agostino hanno rappresentato l’essenza del calcio”.

Le piacerebbe avere nella “sua” Roma un presidente alla Lotito?

Se i risultati sono come quelli della Lazio sì (ride, ndr). Lotito come Aurelio De Laurentiis si sono costruiti un’immagine, positivi o negativa questo dipende da come ognuno la pensi, che una volta non c’era. Tanti anni fa il presidente era come il preside scolastico lo vedevi una volta ogni tanto solo nelle situazione belle o brutte. Questo attuale è un calcio di protagonisti, dove anche le compagne dei calciatori decidono le sorti di un trasferimento. Noi abbiamo un presidente che vive a Boston e non viene mai. Molte volte ci scordiamo anche il nome del proprietario della Roma. Lotito negli ultimi anni ha fatto un passo indietro è più vicino alla squadra, mettendo la faccia in prima persona sull’andamento positivo o negativo della squadra. Tutto ciò è solo un bene per la Lazio”.

Come vivrà il derby Massimo Ghini?

Lo vivrò a casa, allo stadio non vado più per una scelta personale, anche se conto di ritornarci quanto prima. Mi manca molto perché andavo con i miei figli e anche con qualche amico che ora non c’è più. Prima o poi ci tornerò, ma non al derby però (ride, ndr).

 

Partecipa al sondaggio per eleggere il centravanti della top 11 all time biancoceleste:

120 anni di Lazio, vota la top 11 di sempre: i centravanti

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Il più grande centrocampista della Lazio,sempre dopo Antonio Elia Acerbi,non gli ho visto mai passare la palla indietro😳"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Signori.Che Spettacolo.Beppegool. il Capitano."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Un mitoche non dimenticherò mai"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Esclusive