Resta in contatto

Approfondimenti

Gli anni ’10 del 2000: il decennio di Senad Lulic

Lazio, Lulic continua il protocollo riabilitativo in Svizzera

Gli anni ’10 del nuovo millennio in casa Lazio hanno visto come protagonista assoluto Senad Lulic. Ecco i suoi numeri in biancoceleste.

Da Bigiarelli e i padri fondatori in avanti, ogni epoca laziale ha avuto i suoi protagonisti. Passando per Piola, Lovati, Chinaglia e Maestrelli, Fiorini, i campioni dell’era Cragnotti, fino ad arrivare a oggi, tanti sono stati gli uomini che hanno lasciato il segno nella prima squadra della Capitale. L’ultimo, in ordine cronologico è Senad Lulic.

Come nella tradizione dei gladiatori dell’antica Roma, è partito dalle arene delle province lontane dell’Impero prima di assurgere alla gloria nel Colosseo. Nato a Mostar, in Bosnia. Passa per l’Elvezia (la Svizzera) e arriva nell’Urbe da ultimo degli sconosciuti, nel 2011. La stessa carovana di calciomercato aveva portato, tra gli altri, Cissè dall’Ellade, Klose dall’Alemagna e Marchetti dalla Sardinia. Lui però ci ha messo poco per farsi notare.

Su e giù per le fasce dell’Olimpico, come in una corsa di bighe, Senad si è conquistato il favore del popolo laziale. Poi, nel momento cruciale, a esso ha regalato il trionfo più grande, infliggendo a essi la più atroce delle sconfitte.

I numeri di Lulic con la Lazio

Non è solo il 26 maggio, però, che rende l’attuale capitano della Lazio l’emblema assoluto di questo decennio. I suoi numeri con l’aquila sul petto dicono che è secondo per numero di dribbling realizzati (359). Davanti a Candreva (289) e dietro solo a Felipe Anderson (382). E questo è anche l’unico dato in cui si deve accontentare della medaglia d’argento.

Lulic, infatti, è largamente in testa sia nella classifica dei tackle vincenti, con 558, sia in quella delle occasioni create, con 360. I distacchi dei secondi sono ben oltre il centinaio. Radu è a quota 477 contrasti a terra, mentre Candreva ha fornito 144 palle gol. E non è tutto. Il numero 19 biancoceleste è anche il giocatore ad aver realizzato più assist. 39 i cioccolatini regalati ai compagni. Luis Alberto è a quota 32 e Felipe Anderson a 28.

È chiaro che si parla di numeri assoluti, senza tener conto dei riferimenti temporali. Il dato del Mago spagnolo, in questo senso, a ben vedere, appare molto più impressionante. Ma il bosniaco è anche l’unico laziale, insieme a Pavel Nedved, ad aver segnato in due finali. Se la prima, 6 anni e mezzo fa, lo ha reso una leggenda vivente, quella del 22 dicembre scorso lo ha definitivamente consegnato alla storia: gli anni ’10 di questo nuovo millennio sono stati il decennio di Senad Lulic.

 

Leggi anche:

Pedro Troglio a SLL: “La Lazio applica un gioco moderno. Porto i tifosi della Lazio sempre nel cuore”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
Advertisement

Altro da Approfondimenti