Resta in contatto

Esclusive

Pedro Troglio a SLL: “La Lazio applica un gioco moderno. Porto i tifosi della Lazio sempre nel cuore”

di Enrico De Lellis

Il mondo biancoceleste sta vivendo un momento d’oro. Le festività, grazie la vittoria della Supercoppa Italiana, hanno un sapore meraviglioso.

In esclusiva ai microfoni di SololaLazio.it è intervenuto l’ex biancoceleste Pedro Troglio, per parlare di questo avvio di stagione degli uomini di Inzaghi.

La Lazio può lottare per lo scudetto?

“Hanno vinto la Supercoppa contro la Juventus, la rosa è di grande qualità, perciò possono lottare per lo scudetto. Non sarà facile perché ci sono tante concorrenti, ma la Lazio non parte sconfitta”.

Cosa le piace di questa squadra?

“Mi piace tantissimo il possesso palla della Lazio. Inzaghi applica un gioco modernissimo fatto di triangolazioni, ma quando qualcuno perde palla, tutta la squadra va alla ricerca per recuperare immediatamente il possesso. Questa cosa è straordinaria”.

Luis Alberto è l’emblema di questa squadra. Chi le ricorda come giocatore?

“E’ il giocatore del moneto, l’emblema di questa squadra. Non mi piacciono i paragoni, anche perché penso sempre che ognuno ha delle caratteristiche personali e tecniche che altri non hanno. Sicuramente lo spagnolo è l’arma in più per la rosa biancoceleste”.

C’è un Pedro Troglio nella rosa attuale biancoceleste?

“Non so se c’è un Troglio o meno nella rosa attuale, vale un po’ il discorso di prima. Ogni giocatore è unico per determinate caratteristiche”.

Quando torna a Roma per vedere una partita dal vivo? Magari in Curva, cantando il coro dei tifosi che tanto bene conosce…

“Lavorando da quindici anni in questo mondo, purtroppo ho le stesse ferie dei giocatori biancocelesti, perciò mi è difficile venire a Roma per vedere la Lazio. Certamente spero di venire il prima possibile, per tornare a salutare un pubblico che porto sempre nel cuore”.

 

Leggi anche:

Lazio, Lotito: “Il merito è mio? No, è di tutti: si vince e si perde insieme”

2 Commenti

2
Lascia un commento

avatar
2 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Commento da Facebook Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Quando andò via dalla Lazio, mi sembra di ricordare che c’era uno striscione in cui c’era scritto :”Con la Lazio o no, non ti scorderemo. Grazie Pedro”

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Grazie.

Advertisement
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Il più grande centrocampista della Lazio,sempre dopo Antonio Elia Acerbi,non gli ho visto mai passare la palla indietro😳"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Signori.Che Spettacolo.Beppegool. il Capitano."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Un mitoche non dimenticherò mai"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Esclusive