Resta in contatto

Storie di Polisportiva

Lazio, i risultati della polisportiva: vittorie sotto rete e sotto canestro

Lazio, la società prende le distanze dallo striscione

Nel week-end sono scese in campo anche le sezioni pallavolo, pallacanestro e pallanuoto della Polisportiva Lazio. Ecco come è andata.

Week end più che positivo per i colori biancocelesti. Oltre la splendida vittoria contro la Juventus nel calcio, anche le sezioni pallavolo e pallacanestro della Polisportiva Lazio hanno raccolto successi importanti. L’unica sconfitta arriva dalla pallanuoto, ma non mancano le note liete anche in vasca, nonostante il punteggio.

Pallavolo

Vittoria importante sotto rete in chiave Play – off. Gli aquilotti della pallavolo superano per 3 set a 1 Isola sacra rinsaldando la seconda posizione nel girone F della serie B a soli 3 punti dalla capolista Civitanova. Per altro già battuta in stagione. Invariate anche le distanze in classifica da Sarroch, terza, contro cui sabato prossimo, in trasferta, si giocherà un altro scontro diretto.

Pallacanestro

Stessa musica anche sotto canestro. I ragazzi della Lazio Basket conquistano contro Elis la terza vittoria consecutiva e si rilanciano in classifica dopo un avvio di stagione stentato. 60-52 il punteggio, con il play maker Pescosolido e l’ala grande Martinelli migliori realizzatori. 14 punti per il primo, 10 per il secondo, decisivi per lo strappo finale nell’ultimo quarto.

Ora la squadra di coach Tiziano Carradore è al 4° posto in classifica a quota 6 punti. Il terzetto di testa composto da Velester, Terracina e Basket Roma nord (questi ultimi con una partita in meno) dista solo due lunghezze. Giovedì, ultimo appuntamento sul campo del Casilino 21 prima della sosta natalizia. Scontro diretto fondamentale per restare al seguito delle migliori.

Pallanuoto

La nota negativa arriva dalla vasca della pallanuoto. Le calottine biancocelesti sono state sconfitte 11-13 da Ortigia, seconda in classifica. L’allenatore Sebastianutti si èperò detto comunque soddisfatto della prestazione.

“Ci siamo andati vicino, questa squadra continua a stupire”

Il risultato è maturato nel finale, dopo che nella prima metà del match la Lazio era stata anche sopra di tre gol. La prestazione, ha sottolineato ancora il coach, non è affatto da buttar via. Ma è un po’ tutta l’annata che sta regalando soddisfazioni oltre ogni aspettativa. Tra mille difficoltà i biancocelesti sono a quota 8 punti che oggi significherebbero salvezza sicura senza Play-out.

Ora ci sarà una lunga sosta natalizia prima del ritorno in acqua a febbraio. Due mesi in cui si cercherà di lavorare al meglio per preparare i match salvezza decisivi che aspettano i biancocelesti alla ripresa.

 

Leggi anche:

Lazio-Juve. Noi oltre, come sempre

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "da juventino ho adorato Beppe Signori......è uno dei pochi calciatori di cui ho la maglia autografata......oggi Signori non avrebbe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da Storie di Polisportiva