Resta in contatto

News

UEFA, Ceferin: “Il VAR così è un casino, ma non si può tornare indietro”

Ceferin sul Fair Play finanziario: "Pensiamo a migliorarlo: idea luxury tax"

Il presidente della UEFA Aleksander Ceferin ha rilasciato un’intervista al Daily Mirror per parlare del VAR e della sua applicazione.

Il Var è un casino, ma non si può tornare indietro“. A dirlo è il presidente della UEFA Aleksander Ceferin in un’intervista al Daily Mirror. D’altronde, che la massima federazione europea avesse da sempre qualche perplessità sull’uso della tecnologia, rispetto invece alle posizioni favorevoli della FIFA, non è una notizia.

“Personalmente non sono mai stato un grande fan del Var, ma se dicessimo che non la useremo più verremmo uccisi”.

Il numero 1 del calcio europeo ha sottolineato 3 problematiche: la valutazione dei falli di mano, la disomogeneità di utilizzo nelle varie federazioni nazionali e persino l’oggettività del fuorigioco. In particolare su quest’ultimo punto ha espresso un’opinione che fa discutere.

“Di questi tempi, rischi di essere in fuorigioco se hai il naso lungo”.

A suo dire, sarebbe opportuno introdurre una tolleranza di una decina di centimetri quando si va a controllare la posizione al monitor. Il buona sostanza ha fatto capire di preferire una valutazione soggettiva e non più oggettiva del fuorigioco.

In merito al giudizio sulla volontarietà del tocco di mano il presidente è stato ancora più drastico.

“Come si fa a definire un fallo intenzionale? L’arbitro non è uno psichiatra in grado di sapere se hai fatto una cosa di proposito o no”.

E poi, nella chiosa finale sulle differenze di utilizzo dello strumento nelle varie federazioni, Ceferin ha rimarcato due esempi di eccessi opposti.

“Alcuni arbitri in Inghilterra non controllano nemmeno. In Italia controllano per mezz’ora. Insomma, è un casino”.

 

Leggi anche:

Lazio, apprensione per Luis Alberto: a riposo per precauzione

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "da juventino ho adorato Beppe Signori......è uno dei pochi calciatori di cui ho la maglia autografata......oggi Signori non avrebbe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da News