Resta in contatto

Storie di Polisportiva

Lazio Pallanuoto, contro Posillipo vittoria che fa morale e allontana dai bassifondi

La Lazio pallanuoto vince una sfida importante per la classifica contro Posillipo e si prepara ai prossimi 4 impegni prima della sosta.

di Giorgio Bicocchi

Che bella Lazio contro il Posillipo! Tre punti al platino conquistati al Foro Italico contro una squadra che, nelle passate stagioni, era sempre al mozzo di Recco, Brescia e Sport Management, spesso in grado di acciuffare le semifinali-scudetto. Ecco perché la vittoria – che ha scaraventato le calottine biancocelesti a quota 7 nella classifica di A1, al pari della Roma, ben lontani dalla zona minata della graduatoria – è davvero pesantissima. Per la qualità del gioco messo in mostra dal Settebello di Sebastianutti e per il valore storico dei rivali.

La Lazio ha disposto degli avversari sin dall’inizio. Con un Vitale straripante (autore di quattro reti) e una difesa che ha funzionato alla grande, limitando gli avversari e “sporcando”, con il pressing e gli anticipi, molte delle trame offensive partenopee. Solo 7 le reti incassate.

Una Lazio che ha convinto, questa volta letale anche nel quarto tempo, spesso prologo, invece, di rovesci per via di una panchina corta a livello di cambi. Stavolta, tutti hanno dato tutto. Difendendo coi denti il vantaggio accumulato a metà gara (tre reti avanti). Stringendo le maglie in difesa. Giostrando con intelligenza in attacco.

Peccato davvero, allora, stante l’attuale buona classifica, i due punti maldestramente persi al Foro contro il Savona, qualche settimana fa, con i liguri capaci di segnare sei reti nell’ultimo quarto, con una Lazio piegata sui fianchi dalla fatica. Con quei due punti in più si poteva davvero guardare ai piani alti, lontani dalle sabbie mobili.

Ora, rinfrancati dal successo sul Posillipo, ecco gli ultimi quattro impegni prima della lunghissima sosta del Campionato di A1 (dal 7 dicembre fino al 1 febbraio). La Lazio sarà a Genova contro il Quinto, sabato prossimo, tornando poi al Foro, mercoledì 27, contro la Sport Management.

Delicata, sabato 30, la trasferta di Palermo contro la neopromossa Telimar, ultima in graduatoria. Concluderà questo segmento di stagione la gara al Foro contro la temibile Ortigia, vera mina vagante del torneo. Almeno finora. Chiudesse questa parte di campionato con almeno quattro punti, la Lazio potrebbe vivere in serenità la sosta. Preparando il rientro in vasca che coinciderà con l’attesissimo derby di andata contro la Roma di sabato primo febbraio.

 

Leggi anche:

IL CONSIGLIO DEL FABREGAS – Doku, promessa belga

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Ero giovanotto e seguivo la squadra in quegli anni difficili. No come oggi che si fa polemica se arrivi secondo o quarto. Rimane sempre nel mio cuore..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da Storie di Polisportiva