Resta in contatto

Lazio – Lecce, “la pizzica” del gol all’Olimpico contro i salentini

Lazio – Lecce è la sfida dell’Olimpico valida per la 12ª giornata di Serie A. La spunta la Lazio in un’altalena di emozioni prima della sosta.

Il Lecce fa ballare “la pizzica” alla Lazio. Una tarantella di emozioni nell’ultimo appuntamento prima della sosta per le Nazionali. Una partita che i biancocelesti dovevano vincere per forza, per dare seguito ai tre successivi consecutivi in campionato e per dimenticare la sconfitta con il Celtic. Missione compiuta.

Il 4-2 finale premia gli uomini di Inzaghi, ballerini in difesa, ma devastanti in attacco. La sblocca Correa al 30′ dopo un botta e risposta di occasioni clamorose. Poco dopo, dormita difensiva sul primo corner degli ospiti e Lapadula insacca indisturbato l’1-1. Prima del fischio di metà tempo Luis Alberto sbaglia l’impossibile. E alla ripresa non cambia il copione: prima del 2-1 di Milinkovic, servono almeno altri due gol mangiati dalla Lazio.

Poi in 5 minuti succede di tutto, come in una taranta salentina. Rigore per i giallorossi, parata di Strakosha, tap-in di Lapadua, var, gol annullato. L’attaccante era entrato in area prima della battuta. Si salvano i padroni di casa. E poco dopo guadagnano anche loro un rigore. Ciro è freddo e fa 3-1. Gli avversari però non si arrendono e si buttano in avanti. La difesa biancoceleste non si fa schiacciare, palla recuperata e ripartenza letale del duo Immobile Correa, col primo a servire l’assist per la doppietta del secondo. Finita qui? Neanche per idea. Ultima rullata di tamburello con La Mantia che di testa infila il 4-2.

Luiz Felipe nel pre gara @LazioStyleChannel

“Oggi ci aspetta un incontro molto importante, ci serve una grande prestazione. Dovremo restare concentrati: ci siamo preparati bene dopo la partita di giovedì. Ci serve un buon risultato per restare in alto in classifica. Posso giocare in qualsiasi posizione voglia il mister, devo continuare a crescere allenamento dopo allenamento. L’importante sarà svolgere una grande prova”.

 

L’omaggio della Nord ai pompieri morti in provincia di Alessandria:

Lazio – Lecce, la Nord omaggia i vigili del fuoco morti ad Alessandria

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Anno tirato un corner e gol noi 8 corner niente

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Io ho vissuto l era VINCENZO PAPARELLI ERO LI E NON SONO PIU ANDATO ALLO STADIO MA POI L ARRIVO DI BEPPE SIGNORI MI HA FATTO IMPAZZIRE E MI SONO..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da Dirette