Resta in contatto

News

Daconale: “Lotito vuole lo stadio nella realtà, non nella fantasia”

Diaconale attacco a Malagò: "Si parla di etica ma non capisco il filo logico"

Il portavoce della Lazio Arturo Diaconale ha rilasciato alcune dichiarazioni sul progetto stadio ai microfoni di Football Crazy.

Ospite della trasmissione Football Crazy, in onda su Gold Tv, Arturo Diaconale ha parlato dello stadio della Lazio. In estate sono stati riallacciati i rapporti con il Campidoglio per un progetto nato già nel 2005.

L’intoppo principale, secondo il portavoce biancoceleste, è nella volontà politica.

“Il progetto dello stadio della Lazio risale al 2005. Nei mesi scorsi, quando abbiamo festeggiato la Coppa Italia in Campidoglio., c’è stata occasione per riprendere i rapporti con la prima cittadina, interrotti tempo fa per una vicenda che aveva fatto pensare, a noi della Lazio, di ricevere un trattamento diverso rispetto alla Roma. Il contrasto è stato risolto. Francamente non credo si possa vivere di sogni o, diciamo, ‘fantasie spinte’. Ma con la situazione attuale della città di Roma, servirebbe una fortissima volontà politica, per riuscire a trasmette un fatto secondo me è banale, ma fondamentale: la costruzione dello stadio per Roma e Lazio sarebbe un volano per la ripresa economica della città. Non mi pare, però, che adesso ci siano le condizioni per far sì che ciò accada. Io non vedo questa volontà politica, al di là delle scelte individuali della Raggi o del PD. Se dovessi scommettere su dove mettere la prima pietra, non scommetterei proprio. È il sistema politico ad essere inceppato. La volontà della Lazio c’è. Lotito sa bene che uno stadio aiuta il bilancio e fidelizza al meglio. Ma il presidente è una persona che non crea mai false fantasie, è un uomo di grande concretezza. E lui vuole fare lo stadio nella realtà, non nella fantasia”.

Diaconale ha anche espresso un suo pensiero sulla sconfitta di ieri sera in Europa League.

“La sconfitta è dovuta a cali di tensione fatali nel corso del match. Non c’entrano le singole scelte, come quella di non schierare Luis Alberto”.

 

Leggi anche:

Lotito: “Per mantenere la storia della Lazio mi sono fatto carico di 550 milioni di debiti”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."

Altro da News