Resta in contatto

Storie di Polisportiva

Lazio Hockey, che sfida sabato: al Tre Fontane arriva la capolista

Lazio Hockey su Prato

Grande appuntamento per la Lazio Hockey su Prato, ancora imbattuta nel girone B di A2: sabato alle 15 i biancocelesti ospitano il Cus Padova – di Giorgio Bicocchi

Non definitela una sfida promozione per la A1: non è nei programmi stagionali della Lazio Hockey su Prato quello di lasciare la A2 e tornare – dopo anni di letargo, peraltro – nella massima serie.

Ma certo la sfida di sabato prossimo al “Tre Fontane” (ore 15, ingresso gratuito) è affascinante. Sarà Lazio Hockey contro il Cus Padova, la gara tra due delle tre formazioni imbattute nel girone B della Serie A, tanto per cominciare.

La sfida alla capolista a punteggio pieno

Con la formazione di Luca Angius, terza in graduatoria con due vittorie e altrettanti pareggi, che proverà a rendere la vita difficile alla corazzata del raggruppamento, quel Cus Padova che lo scorso anno militava in A1 e che ha praticamente mantenuto un telaio da massima serie.

Non solo: Padova è a punteggio pieno, avendo sin qui demolito ogni avversario. Pure con una pericolosa appendice in rapporto alla gara contro i biancocelesti: i veneti hanno una media di oltre cinque gol segnati a partita.

Le armi a disposizione della Lazio

Come si opporrà la Lazio – che scenderà in campo avendo quattro punti di distacco dai rivali – alla favorita per il salto in A1? Con la disciplina, il metodo, l’applicazione. Fondando le proprie speranze di schivare l’imboscata sulla miscela tra i giocatori esperti (il tecnico-giocatore Angius e poi Fernandez, Gamal, Corradetti) e l’esuberanza dei più giovani (i gemelli Brocco, Braca, Lanting).

Il pronostico – nonostante si giochi sul nostro campo – pende a favore del Cus, la squadra più solida, assieme al Bondeno, per sognare il salto in A1. Ma la Lazio, vedrete, che con maggiore furbizia poteva avere almeno un paio di punti in più, si opporrà con tutte le forze. Praticando il solito hockey veloce e ficcante in attacco e provando a togliere respiro agli avversari – giocando sull’anticipo – dalla cintola in giù. Insomma, sarà una gara tutta da godere.

 

Leggi anche:

La dedica a Paparelli a quasi 40 anni dalla sua scomparsa

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Un mito che purtroppo ho vissuto troppo poco,avevo appena 9 anni,allo stadio non mi portava nessuno,anche se le partite si vedevano poco bene e i..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "grazie a Signori sono tifosa della Lazio... non vederlo mai alzare una coppa e festeggiare lo scudetto mi ha sempre lasciato un rammarico.... ..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Storie di Polisportiva