Resta in contatto

Storie di Polisportiva

La Lazio Motociclismo ha chiuso il Campionato italiano di velocità

Lazio Motociclismo, campionato italiano velocità

La Lazio Motociclismo ha corso a Vallelunga l’ultima gara del campionato 2019. E che incontri alla presentazione del libro di Carlo Pernat – di Giovanni Lando Fioroni

L’ultimo atto del Campionato italiano di velocità, nel circuito di Vallelunga, ha visto impegnato il team della Lazio Motociclismo – capitanato da Luca Lommi – con la BMW S1000R guidata da Francesco Cocco e allestita dalla Bmaxracing.

Buona la qualifica, con Francesco al 4° posto della griglia di partenza. La gara, davanti a un pubblico numeroso, si dimostra avvincente e ricca di colpi di scena. Eddi La Marra, già vincitore del trofeo, parte dalla terza posizione e si mette subito in testa mantenendo il primato di gara fino al traguardo. Il nostro Francesco lotta fino alla fine nel secondo gruppo per la terza posizione, concludendo la gara 6° posto. In classifica finale chiudiamo così il Campionato al 7° posto assoluto.

Lazio Motociclismo, campionato italiano velocità

“Carichissimi per la prossima stagione”

“Un buon risultato finale, durante tutta la stagione – il commento di Lommi – ci siamo assestati in questa posizione lottando sempre per un posto sul podio. La squadra era nuova, la moto anche, era immaginabile un campionato di transizione.

Gli ingredienti per una prossima stagione ricca di soddisfazioni ci sono tutti, l’esperienza di questo campionato ci aiuterà a migliorare e crescere sia sportivamente sia strutturalmente. La Lazio Motociclismo è un team solido con una lunga storia agonistica e inserito in una grande Polisportiva. Il prossimo anno sarà importante, sono sicuro che riusciremo a ottenere risultati prestigiosi”.

L’evento al TMR Village

Preludio di Vallelunga è stato l’evento del sabato pomeriggio: al TMR Village abbiamo partecipato alla presentazione del libro “Belìn, che paddock!” di Carlo Pernat. Il più grande manager italiano della Moto GP ha intrattenuto i presenti con anedotti e racconti della sua lunga storia di vita trascorsa nei circuiti di tutto il mondo.

Insieme a lui altri due italiani altrettanto illustri del panorama motociclistico mondiale: l’avvocato Francesco Zerbi (presidente per 16 anni della Federazione Internazionale Motociclistica) e Tony Cairoli (9 volte campione del mondo di motocross).

Lazio Motociclismo, il presidente Fioroni con Tony Cairoli e Carlo Pernat

Giovanni Lando Fiorini, insieme a Tony Cairoli (a destra) e Carlo Pernat (a sinistra)

Una bellissima location, quella del TMR Village, gestita da Silvano Levantini che organizza spesso eventi di caratura nazionale. Questa volta Silvano si è superato ospitando contemporaneamente tre italiani che hanno dato lustro ai nostri colori in tutto il mondo. Tantissimi gli appassionati che sono corsi a sentire le parole di Carlo, Francesco e Tony: tre uomini completamente diversi tra loro, ma tutti con la stessa passione e la stessa capacità di trasmetterla a tutti noi. Davvero un evento storico. E dove è la storia, c’è la S.S. Lazio Motociclismo.

Tutte le info sulla sezione sono disponibili sul sito: www.sslaziomotociclismo.it.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile fa altri due passi verso Piola

Ultimo commento: "Prendere Piola la vedo dura ... "
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Ho avuto la fortuna di conoscerlo, parlarci per ore ed era prorprio come viene descritto da tutti. Ho ancora la sua maglia originale: quella con il 9,..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il suo dito che esce fuori dalla nebbia al derby. Non si vedeva nulla ma la palla era dentro la rete! E segna sempre lui!"
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Fascetti una persona indimenticabile, grazie"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."

Altro da Storie di Polisportiva