Resta in contatto

Storie di Polisportiva

La Lazio Motociclismo ha chiuso il Campionato italiano di velocità

Lazio Motociclismo, campionato italiano velocità

La Lazio Motociclismo ha corso a Vallelunga l’ultima gara del campionato 2019. E che incontri alla presentazione del libro di Carlo Pernat – di Giovanni Lando Fioroni

L’ultimo atto del Campionato italiano di velocità, nel circuito di Vallelunga, ha visto impegnato il team della Lazio Motociclismo – capitanato da Luca Lommi – con la BMW S1000R guidata da Francesco Cocco e allestita dalla Bmaxracing.

Buona la qualifica, con Francesco al 4° posto della griglia di partenza. La gara, davanti a un pubblico numeroso, si dimostra avvincente e ricca di colpi di scena. Eddi La Marra, già vincitore del trofeo, parte dalla terza posizione e si mette subito in testa mantenendo il primato di gara fino al traguardo. Il nostro Francesco lotta fino alla fine nel secondo gruppo per la terza posizione, concludendo la gara 6° posto. In classifica finale chiudiamo così il Campionato al 7° posto assoluto.

Lazio Motociclismo, campionato italiano velocità

“Carichissimi per la prossima stagione”

“Un buon risultato finale, durante tutta la stagione – il commento di Lommi – ci siamo assestati in questa posizione lottando sempre per un posto sul podio. La squadra era nuova, la moto anche, era immaginabile un campionato di transizione.

Gli ingredienti per una prossima stagione ricca di soddisfazioni ci sono tutti, l’esperienza di questo campionato ci aiuterà a migliorare e crescere sia sportivamente sia strutturalmente. La Lazio Motociclismo è un team solido con una lunga storia agonistica e inserito in una grande Polisportiva. Il prossimo anno sarà importante, sono sicuro che riusciremo a ottenere risultati prestigiosi”.

L’evento al TMR Village

Preludio di Vallelunga è stato l’evento del sabato pomeriggio: al TMR Village abbiamo partecipato alla presentazione del libro “Belìn, che paddock!” di Carlo Pernat. Il più grande manager italiano della Moto GP ha intrattenuto i presenti con anedotti e racconti della sua lunga storia di vita trascorsa nei circuiti di tutto il mondo.

Insieme a lui altri due italiani altrettanto illustri del panorama motociclistico mondiale: l’avvocato Francesco Zerbi (presidente per 16 anni della Federazione Internazionale Motociclistica) e Tony Cairoli (9 volte campione del mondo di motocross).

Lazio Motociclismo, il presidente Fioroni con Tony Cairoli e Carlo Pernat

Giovanni Lando Fiorini, insieme a Tony Cairoli (a destra) e Carlo Pernat (a sinistra)

Una bellissima location, quella del TMR Village, gestita da Silvano Levantini che organizza spesso eventi di caratura nazionale. Questa volta Silvano si è superato ospitando contemporaneamente tre italiani che hanno dato lustro ai nostri colori in tutto il mondo. Tantissimi gli appassionati che sono corsi a sentire le parole di Carlo, Francesco e Tony: tre uomini completamente diversi tra loro, ma tutti con la stessa passione e la stessa capacità di trasmetterla a tutti noi. Davvero un evento storico. E dove è la storia, c’è la S.S. Lazio Motociclismo.

Tutte le info sulla sezione sono disponibili sul sito: www.sslaziomotociclismo.it.

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement
Lazio, Miti: Miroslav Klose

Mito Klose: cosa significa per te averlo visto segnare con la maglia della Lazio?

Ultimo commento: "A parte Piola, di cui non ho mai visto le gesta, Klose è il più forte attaccante della storia della Lazio."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "il piu' forte giocatore che abbia mai indossato la maglia della lazio. top assoluto"

Signori, è segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono cresciuto ammirando le gesta ed i goal strepitosi di Beppe Signori.Poster in camera e petto in fuori. Grazie Campione!"
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Secondo me è il momento più intenso e di attaccamento nel rapporto squadra-tifosi. Indimenticabile Eugenio. Andrea"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Cosa dire,sono della Lazio grazie a lui, è stato il mio mito"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Storie di Polisportiva